«TEARING AT THE SEAMS - Nathaniel Rateliff» la recensione di Rockol

Il secondo album di Nathaniel Rateliff & The Night Sweats

Meritano fiducia Nathaniel Rateliff & The Night Sweats, merita fiducia "Tearing at the seams"

Recensione del 17 mar 2018 a cura di Paolo Panzeri

La recensione

Il marchio Nathaniel Rateliff & The Night Sweats ha visto la luce relativamente di recente, i ragazzi che lo costituiscono non sono proprio di primo pelo. La loro guida, il barbuto e paffuto Nathaniel, ormai va per i quaranta. Data la bravura sono riusciti a colpire il centro del bersaglio già con l’eponimo album d’esordio uscito nel 2015 e da allora non si sono più fermati. Forse per non vedersi scivolare via dalle mani il buon livello di notorietà raggiunta? oppure perché quella del suonare è la strada che meglio conoscono e che meglio li rappresenta? Chi lo può dire? Qui si impone l’apertura di una breve parentesi: quando si fa cenno al buon livello di notorietà raggiunta si intende negli Stati Uniti, in misura minore in Europa. Quindi, si diceva, dal primo disco, a cadenza annuale, la band non ha mancato di pubblicare un lavoro. Nel 2016 l’EP “A little something more from”, nel 2017 l’album dal vivo (ambito in cui si trovano particolarmente a loro agio) “Live at Red Rocks” e, infine, nel 2018 “Tearing at the seams”.

E’ un disco importante questo “Tearing at the seams” per Nathaniel e i suoi ragazzi. Tutti i dischi sono importanti, però il secondo, in genere, lo è in modo particolare. In questa seconda raccolta di inediti non si naviga al riparo di un bacino artificiale dove non ci sono onde anomale - come è accaduto con l’EP e l’album live - con la registrazione in studio di nuovo materiale non si scherza, si esce in mare aperto, si vanno a sfidare le charts, il pubblico, la critica e ci si misura con se stessi, con le proprie capacità. Questo concetto è molto chiaro nella testa del frontman ed è per questo che ha motivato la truppa dichiarando: “Dopo tutto questo tempo in tour sentivo che dovevamo fermarci e andarcene da qualche parte insieme. E’ un’esperienza che avremmo dovuto fare tutti insieme. Voglio, e ho bisogno, che tutti si sentano parte di questo gruppo. Voglio che si sentano di contribuire artisticamente ed emotivamente alla scrittura e alla creazione di questa musica. Tutti noi abbiamo dovuto fare dei sacrifici per entrare a far parte dei Night Sweats e voglio che tutti sappiano che ne è valsa la pena”.

Parole che se non raggiungono i vertici drammatici del discorso tenuto alla sua squadra nello spogliatoio dall’allenatore Al Pacino nel film “Ogni maledetta domenica”, poco ci manca. Rateliff non ha speso le sue parole invano, “Tearing at the seams” è un buon album e la band è al suo meglio. Un combo di otto persone ottimamente amalgamato, quel che si dice: una vera band. Un viaggio che parte ottoni spiegati e in resta con la sabbiosa e sudista “Shoe boot” che si fonde senza soluzione di continuità nella successiva “Be there”. “A little honey”, come suggerisce il titolo, maneggia l’amore e il soul. Le sonorità rimandano agli anni sessanta. “Say it louder” e ancora più “Hey mama” rallentano il ritmo e si spingono verso lidi più cari al country, ma sono solo episodi. “Intro” è cugina di un qualche grado della “Land of 1000 dances” di Wilson Pickett. La temperatura ora è decisamente calda, l’atmosfera è decisamente soul, la band fa a gara a mostrare la propria qualità e ci si accorge che la qualità della voce di Rateliff è di primissimo piano. Con “Baby I lost my way (but i’m going home)” si rimane ben ancorati agli anni sessanta con il suo incedere surf. Il finale è dedicato a “You worry me”, il primo singolo dell’album, la vespertina “Still out there running”, il congedo è affidato alla amara title track.

“Tearing at the seams” è prova onesta fino all’osso, non c’è trucco e non c’è inganno. Onesta come la voce di Nathaniel Rateliff e la musica dei suoi Night Sweats. Sta a voi decidere se prendere o lasciare. La Stax che li ha sotto contratto li ha presi, qualcosa suggerisce lo si debba fare pure noi.

TRACKLIST

01. Shoe Boot (04:43)
02. Be There (03:39)
03. A Little Honey (03:10)
04. Say It Louder (03:23)
05. Hey Mama (04:00)
06. Babe I Know (03:04)
07. Intro (04:19)
08. Coolin' Out (04:01)
09. Baby I Lost My Way, (But I'm Going Home) (02:55)
10. You Worry Me (03:34)
11. Still Out There Running (04:53)
12. Tearing at the Seams (05:13)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.