SHARDANA

Francesco Marcello Scano (Digital Media)

Voto Rockol: 3.5 / 5
Segui i tag >

di Fabrizio Zanoni

Fa piacere veder entrare in top ten un disco di En?gma. E' uno di quei rapper che da sempre mantengono un livello di produzione alto e senza mettersi a compiacere le mode. Non è un caso forse quindi che non sia mai stato troppo attenzionato dalla dea bendata - ma mai dire mai visto che altri, dopo vari tentativi a vuoto, hanno centrato il disco della svolta (giusto per stare all'ultima estate, basti pensare a Shade e Coez).

L'artista sardo, pur rappando sempre su basi veramente interessanti (e in questo disco si cimenta per la prima volta anche in veste di beatmaker) non ha al suo attivo la hit che ti stravolge la fanbase e fa impazzire i contatori di youtube. Per quanto En?gma dichiari di trovare nel suo ultimo lavoro punti di distacco dal suo passato, “Shardana” è un disco veramente coerente con 100% En?gma style, solo un po' più gridato e arrabbiato.

La produzione è affidata in larga parte a Kaizen, già al lavoro con En?gma nell'interessante album a due mani "Random" . E la Sardegna ritorna sia nel titolo del disco (googlate per scoprirne il significato) che nella storia personale dell'artista che dopo l'addio alla Machete Crew ha abbandonato anche Milano per fare ritorno nella sua Olbia.

Il disco viene aperto dal primo singolo Krav Maga: il brano si inserisce in quello che ora potrebbe quasi essere considerato un sottofilone tematico del rap, i brani di critica alla scena (e c'è chi come Maxi B ne ha praticamente fatto un intero concept album):

"Prima infamate, dopo tutti frate'/Le promettete ma non ve le date/Tenetevi 'sti manager, datemi un mecenate/Credimi non sbaglio/Tu che fai la belva solamente quando giri con il branco/Bello, finiti a essere ostaggio delle marche/Rivoluzionari del sistema finchè non ne siamo parte/Quali Bad Boys è finzione Smith & Lawrence/Volete fare brutto o volete fare audience”

A far da traino al lavoro anche il secondo singolo, “Copernico” che ha chiuso le anteprime del disco uscito a fine Febbraio. Per il resto mi piace segnalarvi  pur con un certo non so che di già sentito della base  “Father & Son” con Enigma nella parte del figlio e uno dei padri della vecchia scuola, Bassi Maestro, in quella del padre (i due si rendono 15 anni). Nel disco è presente un altro personaggio storico del rap della prima ora, quel Gemello il cui cd d'esordio è un pezzo assai raro e ricercato nel mercato parallelo dei cd fuori catalogo. Di Madman l'ultimo feat. del disco.

“Da Vinci” contende a “La Cenerentola del Ring” il premio per la barra più bella del disco: “Belle queste tipe divertite a far le tossiche. Si fanno volgari solamente per non risultare anonime. L'oblio che lascia indizi, sì delle generazioni che hanno immerso la routine nei propri vizi". Nel secondo brano troviamo invece la più concisa: “Catturare il mio malessere personale per suonarlo e per donarlo e perdonare”.
E di malessere En?gma ce ne butta in faccia parecchio, personale e derivante dall'analisi di ciò che lo circonda. Con tanti saluti a chi, pur di compiacere il pubblico rimastogli si muove goffo in pieno inverno su basi trap tra culi in bikini e salsa dei Caraibi.

TRACKLIST

01. Krav Maga - (02:25)
02. Nuvole & Cupole - (02:51)
03. Copernico - (02:21)
04. Father & Son (feat. Bassi Maestro) - (02:20)
05. Da Vinci - (02:53)
06. Che Roba è?! (feat. Madman) - (01:58)
07. Françisco Marcelo - (02:33)
08. Malasuerte (feat. Gemello) - (03:11)
09. La Cenerentola del Ring - (02:31)
10. Sobborghi - (01:59)
11. Cerbero - (03:24)
12. ImagiNation - (02:59)