«THE HOUSE - Porches» la recensione di Rockol

'The House' è un lavoro raffinato, che riesce ad unire sonorità techno ed elettroniche ad un cantautorato profondo

'The House' è un lavoro raffinato, che riesce ad unire sonorità techno ed elettroniche ad un cantautorato profondo

Recensione del 30 gen 2018 a cura di Mario Guerci

La recensione

Porches è il nome sotto il quale si cela l’ambizioso progetto del produttore e musicista statunitense Aaron Maine. I Porches hanno all’attivo 3 album: il primo, “Slow Dance in the Cosmos”, uscito nel 2013 e passato inosservato ai più, si presentava come un classico disco alternative rock graffiante, impreziosito dall’illustre collaborazione di Greta Kline (aka Frankie Cosmos). Nel 2016 esce “Pool”, seconda fatica discografica di Maine e soci, che riscontra un enorme successo tra critica e pubblico; un album più sperimentale dove l’anima più classica e rock di Aaron si fonde meravigliosamente con sonorità più elettroniche e pop.

Il 2018 è l’anno di “The House”, ultima trasformazione musicale del camaleontico Aaron Maine. “The House”, che vede tra i collaboratori anche Dev Hynes (Blood Orange) e (Sandy) Alex G, è un disco che si allontana ulteriormente dalle origini rock lo-fi dei primi lavori per lasciar spazio ad una presenza sempre maggiore dell’elettronica, ma non in chiave leggera e synth pop com’era stato per certi versi in “Pool”, ma con un’impronta quasi prevalentemente techno.

Canzoni come “Find Me”, “Anymore”, "Åkeren" (interamente cantata in norvegese) e la coda finale di “Goodbye” sono fortemente influenzate da sonorità techno e la particolare voce di Aaron è in grado di trasmettere un grande senso di ansia e malinconia. Nel disco non mancano però brani diametralmente opposti, come la dolce e leggera “Country”, la sognante e nostalgica “Now The Water” che con quel particolare arpeggio di chitarra sembra appena uscita dagli anni ottanta e la breve ma intensa “Understanding” che vede protagonista il padre di Aaron, Peter.

“The House” è un lavoro raffinato e non di facile ascolto, che riesce ad unire sonorità techno ed elettroniche ad un cantautorato profondo, apparentemente lontano da quel mondo sintetizzato. Il disco rispecchia a pieno lo stato d’animo di Aaron Maine, in continua ricerca di un equilibrio interiore e carico di urgenza comunicativa. Con “The House” il produttore e musicista statunitense aggiunge un altro valido tassello al suo percorso artistico in continua evoluzione e noi non vediamo l’ora di scoprire che forma avrà il suo prossimo lavoro.

TRACKLIST
1. Leave The House – (02:11)
2. Find Me - (03:47)
3. Understanding - (00:59)
4. Now The Water – (03:48)
5. Country – (01:52)
6. By My Side – (03:12)
7. Åkeren – (01:48)
8. Anymore – (03:21)
9. Wobble – (02:04)
10. Goodbye – (02:46)
11. Swimmer – (00:52)
12. W Longing – (04:26)
13. Ono – (03:39)
14. Anything U Want – (02:36)

TRACKLIST

01. Leave The House (02:11)
02. Find Me (03:47)
03. Understanding (00:59)
04. Now The Water (03:48)
05. Country (01:52)
06. By My Side (03:12)
07. Åkeren (01:48)
08. Anymore (03:21)
09. Wobble (02:04)
10. Goodbye (02:46)
11. Swimmer (00:52)
12. W Longing (04:26)
13. Ono (03:39)
14. Anything U Want (02:36)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.