«AUTOMATIC FOR THE PEOPLE (25TH ANNIVERSARY DELUXE EDITION) - R.E.M.» la recensione di Rockol

25 anni dopo, il capolavoro dei R.E.M.: "Automatic for the people"

Il disco più amato dei R.E.M., un'opera fuori dal tempo, che torna con uno stupendo live del periodo e 20 demo inediti: la recensione

Recensione del 09 nov 2017 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Il vero disco “fuori dal tempo” dei R.E.M.? Non “Out of time”, ma  “Automatic for the people”. Il capolavoro della band che viene ristampato per i 25 anni in due versioni, una da due CD, con il disco remixato e un live del '92 e una stupenda versione deluxe che comprende ance 20 demo, oltre che del disco in versione Dolby Atmos. Un disco che ha retto, più di altri della band, la prova degli anni. Ecco la storia, e il racconto dei nuovi contenuti:

L’album
Anno 1991: dopo 7 dischi, di cui 5 da indipendenti e due su major, i R.E.M. arrivano al successo, con una canzone basata sul mandolino e senza ritornello. “Out of time” vende 10 milioni di copie, ma la band non va in tour - fa solo qualche concerto acustico promozionale. L’apice sono gli MTV music Awards, dove “Losing my religion” vince sei premi su 9 candidature - ma la band sta già lavorando al disco successivo.
Scartata dopo poco l’idea di un disco più rock, il gruppo lavoro a modo suo, con i tre musicisti (Buck, Mills, Berry) che scrivono e incidono demo strumentali da dare a Stipe, che inizia a mettere le mani sulle canzoni ad inizio ’92.

Rimane una costante: scartare le idee più “alla R.E.M.”, e cercare nuovi spunti, senza la pressione di scrivere canzoni da portare su un palco: il gruppo ha già deciso che anche questa volta non andrà in tour. Il risultato è un disco radicale, apparentemente cupo, intimista: “Automatic for the people” esce nell’ottobre del ’92, un anno e mezzo dopo il suo predecessore, anticipato da “Drive”, una canzone che gioca con gli stereotipi del rock ’n’ roll, ma quasi è completamente acustica, salvo un assolo di chitarra e gli archi alla fine, curati da John Paul Jones dei Led Zeppelin. “Quell’anno, nessun disco suonava così”, dice orgoglioso Peter Buck in un recente documentario - ed è vero. Sono gli anni del grunge, delle chitarre elettriche, che la band recupererà due anni dopo con “Monster” - imbarcandosi a quel punto nel tanto atteso tour mondiale.
 

C’è una storia che si ripete, nella musica: è il disco in cui gli artisti si lamentano della fama e del successo. I R.E.M., no: l’hanno voluta e gestita. L'unico accenno è il video di "Drive", con Stipe che galleggia su un mare di mani di fan, e non è chiaro se lo stiano sostenendo o se vogliano farlo a pezzi. I R.E.M., dopo "Out of time", hanno imparato ad essere più diretti e meno criptici, ma non hanno rinunciato del tutto alla loro dose di mistero e ambiguità.

Ma "Automatic for the people" - il titolo è lo slogan di un tavola calda di Athens - non è un disco sul successo. Eì  un disco sulla vulnerabilità e sulla mortalità: canzoni come “Try not to breathe”, “Sweetness follows" e soprattutto “Everybody hurts” (con l’incedere da ballata soul vecchio stile) sono inni universali sulla condizione umana, più che sull’artista che si lamenta del suo stato.
C’è la rabbia di “Ignoreland” (sono gli anni di Bush Senior alla presidenza) e c’è la nostalgia di uno dei loro capolavori assoluti, “Nightswimming” con un altro lavoro pazzesco di John Paul Jones agli archi. E c’è la canzone più remmiana, “Man on the moon”, dedicata al comico Andy Kaufman (da cui prenderà spunto il film di Milos Forman, con musiche della band) - che nell’ultima fase della carriera diventerà la chiusura ufficiale dei concerti.
Questa versione restituisce gloria al disco - e se vi capita di ascoltarlo remixato in Dolby Atmos (è la prima pubblicazione in questo formato, per un disco), beh, vi verranno ancora di più i brividi. 

Il CD dal vivo
Nella versione due CD e nella versione deluxe, c’è l’unico concerto della band tra 1992 e 1993, svoltosi ad Athens il 19 novembre, come raccolta fondi per GreenPeace.
Pur non essendo del tutto inedito, è un classico, una delle migliori performance della storia del gruppo.
Quindici canzoni, in cui spiccano la versione elettrica e rock di “Drive”, uno spettacolare medley tra “Funtime” degli Stooges con la rara “Radio free europe”, l’unica performance dal vivo di “Monty Got A Raw Deal” e spettacolari classic come “Fall on me” e “Country feedback”.
Il concerto  venne pubblicato a pezzi sui lati B dei singoli di “Monster” due anni dopo (e raccolto su una cassettina come “R.E.M. live ’92”). Questa versione è stata remixata, suona decisamente meglio di quella del '94, e comprende anche la cover di “Love is all around” dei Troggs, mai pubblicata prima.

I demo
La vera manna, per i fan: 20 demo del disco, completamente inediti. Non erano mai circolati neanche tra i collezionisti, e comprendono versioni alternative dei brani del disco (con titoli provvisori) e pezzi mai pubblicati: in alcuni casi, ci sono solo le melodie, come “10K Minimal”, ovvero “Find the river” o sono strumentali come “Howler Monkey”, che poi diventò “Ignoreland”, altri sono versioni avanzate.
I demo comprendono anche le canzoni più “alla R.E.M.”, poi scartate, come ”Mike's Pop Song" (cantata da Mills), una “Peter’s new song” in cui si sente la Rickenbacker elettrica, così come in “Photograph”, che poi venne pubblicata in un’altra versione con Natalie Merchant.

La versione in Dolby Atmos
Compresa nel quarto disco in formato Blu-Ray, comprende un nuovo mix surround curato da Scott Litt e Cliff Norrell, rispettivamente produttore e tecnico del missaggio ai tempi della pubblicazione dell’album: a Milano è stato organizzato un evento per ascoltarlo. Questo disco comprende anche i video dell’epoca, nonché l’EPK promozionale del tempo.


TRACKLIST

CD1: "Automatic for the people"
1. Drive 
2. Try Not To Breathe
3. The Sidewinder Sleeps Tonite 
4. Everybody Hurts 
5. New Orleans Instrumental No. 1 
6. Sweetness Follows 
7. Monty Got A Raw Deal 
8. Ignoreland 
9. Star Me Kitten 
10. Man On The Moon 
11. Nightswimming 
12. Find The River

CD 2: 40 Watt Club, Athens, GA, 19 November 1992
1. Drive
2. Monty Got A Raw Deal
3. Everybody Hurts
4. Man On The Moon
5. Losing My Religion
6. Country Feedback
7. Begin The Begin
8. Fall On Me
9. Me In Honey
10. Finest Worksong
11. Love Is All Around
12. Funtime
13. Radio Free Europe

CD 3: Automatic Demos
1. Drive (Demo) 
2. Wake Her Up (Demo) (The Sidewinder Sleeps Tonite)
3. Mike's Pop Song (Demo) 
4. C To D Slide 13 (Demo) (Man On The Moon) 
5. Cello Scud (Demo) (Sweetness Follows)
6. 10K Minimal (Demo) (Find The River) 
7. Peter's New Song (Demo) 
8. Eastern 93111 (Demo) 
9. Bill's Acoustic (Demo) 
10. Arabic Feedback (Demo) (Fruity Organ) 
11. Howler Monkey (Demo) (Ignoreland) 
12. Pakiderm (Demo) 
13. Afterthought (Demo) 
14. Bazouki Song (Demo) (Monty Got A Raw Deal)
15. Photograph (Demo) 
16. Michael's Organ (Demo) (Everybody Hurts) 
17. Pete's Acoustic Idea (Demo) 
18. 6-8 Passion & Voc (Demo) (Try Not To Breathe)
19 . Hey Love (Mike Voc / Demo) (Star Me Kitten) 
20. Devil Rides Backwards (Demo) (Big Talk)

CD4 - Blu-Ray (Surround Mix & Videos)
1. Drive (Dolby Atmos Mix) 
2. Try Not To Breathe (Dolby Atmos Mix) 
3. The Sidewinder Sleeps Tonite (Dolby Atmos Mix) 
4. Everybody Hurts (Dolby Atmos Mix) 
5. New Orleans Instrumental No. 1 (Dolby Atmos Mix) 
6. Sweetness Follows (Dolby Atmos Mix) 
7. Monty Got A Raw Deal (Dolby Atmos Mix) 
8. Ignoreland (Dolby Atmos Mix) 
9. Star Me Kitten (Dolby Atmos Mix) 
10. Man On The Moon (Dolby Atmos Mix) 
11. Nightswimming (Dolby Atmos Mix) 
12. Find The River (Dolby Atmos Mix) 
13. Photograph (Dolby Atmos Mix)
Videos:
Drive 
The Sidewinder Sleeps Tonite 
Everybody Hurts 
Man On The Moon 
Nightswimming (British Version) 
Find The River 
Nightswimming (R Version) 
Automatic For The People Press Kit

TRACKLIST

#1
01. Drive (04:31)
02. Try Not To Breathe (03:50)
04. Everybody Hurts (05:20)
06. Sweetness Follows (04:21)
08. Ignoreland (04:27)
09. Star Me Kitten (03:15)
10. Man On The Moon (05:13)
11. Nightswimming (04:18)
12. Find The River (03:52)

#2
01. Drive - Live (04:51)
08. Fall On Me - Live (03:34)
09. Me In Honey - Live (04:06)
12. Funtime - Live (02:16)

#3
01. Drive - Demo (04:43)
02. Wake Her Up - Demo (04:37)
05. Cello Scud - Demo (04:20)
06. 10K Minimal - Demo (03:33)
07. Peter’s New Song - Demo (03:15)
08. Eastern 983111 - Demo (04:02)
11. Howler Monkey - Demo (04:38)
12. Pakiderm - Demo (03:33)
15. Photograph - Demo (03:31)
19. Hey Love - Mike Voc / Demo (03:02)
20. Devil Rides Backwards - Demo (05:16)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.