«ROCK REVOLUTION - David Garrett» la recensione di Rockol

David Garrett - ROCK REVOLUTION - la recensione

Recensione del 27 set 2017 a cura di Redazione

La recensione

"Crossover prima di te": se negli ultimi anni 2Cellos sono riusciti a conquistare ampi successi in tutto il mondo, lo devono in buona parte a David Garrett. Nel senso che il violinista tedesco gli ha spianato un po' la strada: già nella seconda metà degli anni 2000 Garrett aveva cominciato a pubblicare una serie di dischi in cui proponeva versioni orchestrali di classici del rock sostituendo le chitarre di leggende come Brian May, Slash, Angus Young e Jimmy Page con il suo violino. Con "Encore" e "Rock Symphonies", pubblicati rispettivamente nel 2008 e nel 2010, cominciò a farsi conoscere anche fuori dalla Germania: nel 2012 fu pure ospite del Festival di Sanremo e per l'occasione suonò la sua versione di "Smells like teen spirit".

Negli ultimi anni è ha suonato nei suoi dischi i brani di grandi maestri come Paganini e Brahms, ora torna a cimentarsi con le star del rock: lo fa con questo album, "Rock revolution", un album crossover che include solo due rielaborazioni su temi classici (Čajkovskij e Bach). Il disco è una sorta di sequel di "Rock symphonies" e vede Garrett rivisitare hit di Phil Collins ("In the air tonight"), Bruce Springsteen ("Born in the USA"), Led Zeppelin ("Stairway to heaven"), Rolling Stones ("Bitter sweet symphony") e Queen ("Bohemian rhapsody"). Non manca un omaggio a Prince, quello sulla versione crossover di "Purple rain".

Se conoscete già Garrett e avete già apprezzato i suoi precedenti album crossover, qui non troverete nulla di nuovo se non una conferma del suo talento. Se negli ultimi anni non fossero venuti fuori altri musicisti crossover, come i già citati 2Cellos o l'italiano Federico Paciotti (ex Gazosa, anche lui passato come ospite dal Festival di Sanremo, nel 2015), oggi continueremmo a considerare David Garrett un artista unico nel panorama mondiale: oggi, però, il crossover non è più una novità. E può rischiare di annoiare.

TRACKLIST

01. In The Air Tonight (03:55)
02. Born In The USA (03:29)
03. Stairway To Heaven (03:14)
04. Superstition (02:45)
05. Bitter Sweet Symphony (03:41)
06. Killing In The Name (03:15)
07. Purple Rain (04:11)
08. Eye Of The Tiger (02:52)
09. Fix You (04:21)
10. Concerto No. 1 (In B Flat Minor, Op. 23 arr. For Violin And Band) (03:13)
11. The Well Dressed Guitar (03:27)
12. You're The Inspiration (03:37)
13. Duel Guitar Vs. Violin (02:08)
14. Bohemian Rhapsody (04:55)
15. Earth Song (04:05)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.