«BEAST EPIC - Iron & Wine» la recensione di Rockol

La vita adulta secondo Iron & Wine

Dio è nei dettagli. Sam Beam, in arte Iron & Wine, lo sa. Nel nuovo album “Beast epic” torna al folk essenziale degli esordi, ma ci mette una cura per gli arrangiamenti assente dai primi album. Canta la vita adulta, però a modo suo, poetico ed enigmatico.

Recensione del 04 set 2017 a cura di Claudio Todesco

La recensione

L’avevamo lasciato con “Ghost on ghost”, un disco chic e sofisticato, rock suonato da musicisti jazz, complesso eppure facile da ascoltare, amabilissimo e per certi versi ambizioso. Lo ritroviamo quattro anni dopo con il suono ridotto ai minimi termini di “Beast epic” e nuovamente accasato presso Sub Pop, l’etichetta che lo lanciò nel 2002. Non è un ritorno alle origini giacché dai tempi del folk disadorno di “The creek drank the cradle” Sam Beam, in arte Iron & Wine, ha imparato che Dio è nei dettagli. E così il suo sesto album va ascoltato con un buon paio di cuffie per godersi il bel colore della voce e gli arrangiamenti magnificamente stilizzati. È un disco solo apparentemente monocromatico, suona come un caldo abbraccio.

Beam ha registrato “Beast epic “pressoché dal vivo, aggiungendo pochi altri suoni, lasciando fruscii, il rumore delle dita che scorrono sulle corde della chitarra, un conto alla rovescia sussurrato. Ti dà l’illusione d’essere lì con lui, al Loft di Chicago dove tutto è stato registrato e mixato in un paio di settimane con Tom Schick e un cast di musicisti comprendente Rob Burger (tastiere), Joe Adamik (percussioni), Jim Becker (chitarra, banjo, violino, mandolino), Sebastian Steinberg (contrabbasso), Teddy Rankin-Parker (violoncello). C’è un gran sferragliare di chitarre acustiche, un’atmosfera intima e raccolta. S’imbocca questa strada sapendo del pericolo di suonare monocordi e perciò Beam, oltre ad avere messo in fila una dozzina di ottime composizioni, ha prestato grande attenzione al carattere dinamico delle linee di chitarra mettendoci poi un violino che rumoreggia in modo quasi impercettibile, punteggiature di piano, lievi armonie, piccoli giochi ritmici. Queste canzoni sono miniature di gran gusto.

E poi ci sono i testi, come sempre strani, persino destabilizzanti. Tornano immagini di alberi, fiori, foglie – la natura è argomento ricorrente nei lavoro di Beam. Ci sono molti cieli e nuvole e pioggia. C’è qualche flash sul far musica. C’e un misto di visioni bucoliche e mistiche e sudiste/gotiche. Dice Beam che il disco vive dell’idea di transizione. In una nota afferma che “laddove le vecchie canzoni dipingevano gioventù che accedeva con occhi sgranati ai piaceri violenti e agli insuccessi della vita adulta, la nuova collezione di canzoni parla della bellezza e del dolore connesse alla crescita dopo che sei già cresciuto”. Non c’è niente da capire. La scrittura di Iron and Wine non segue i percorsi della logica, vaga fra associazioni e immagini inattese. Sono canzoni che puoi apprezzare e amare senza comprenderle fino in fondo. Sono poetiche ed enigmatiche.

“La nostra musica è goffa e libera”, canta Beam. Mettendoci un po’ di fantasia, può funzionare anche come definizione di “Beast epic”. Alla fine di questi 35 minuti restano un sapore dolceamaro, come una forma lieve di dolore mista a sprazzi d’estasi, il sentimento del tempo che passa e la necessità – espressa da Iron and Wine in modo elegantemente ellittico – di mettere assieme i pezzi della propria esistenza. Sarà pure una vecchia canzone, ma non ci si stanca mai d’ascoltarla.

 

TRACKLIST

01. Claim Your Ghost (02:28)
02. Thomas County Law (03:24)
03. Bitter Truth (03:02)
04. Song in Stone (03:21)
05. Summer Clouds (03:33)
06. Call It Dreaming (03:51)
07. About a Bruise (03:11)
08. Last Night (02:55)
09. Right for Sky (03:59)
11. Our Light Miles (03:11)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.