«IL GRANDE FREDDO - Claudio Lolli» la recensione di Rockol

Nel nuovo album, Claudio Lolli torna a collaborare con il nucleo degli Zingari Felici

Un ritorno alle origini, una sorta di reunion: per il suo nuovo album, che esce per l'etichetta fondata da Enrico Molteni dei Tre Allegri Ragazzi Morti, il cantautore torna a collaborare con il nucleo dello storico album del 1976.

Recensione del 10 giu 2017 a cura di Redazione

La recensione

A otto anni di distanza da "Lovesongs", uscito nel 2009, Claudio Lolli pubblica un nuovo album in studio, "Il grande freddo". Il disco, a detta dello stesso cantautore, rappresenta un ritorno alle origini e alla collaborazione con il nucleo degli Zingari Felici, Danilo Tomasetta e Roberto Soldati, entrambi appartenenti al Collettivo Autonomo Musicisti di Bologna con cui Lolli incise l'album "Ho visto anche degli zingari felici" del 1976.

"Il grande freddo" è stato realizzato grazie ad una campagna di crowdfunding e contiene nove canzoni prodotte proprio da Danilo Tomasetta, che ha curato gli arrangiamenti e la direzione artistica del progetto insieme a Roberto Soldati. L'album è stato registrato a Bologna all'inizio del 2017 ed esce per l'etichetta indipendente La Tempesta Dischi, fondata dal già membro dei Tre Allegri Ragazzi Morti Enrico Molteni.

Il titolo del disco richiama l'omonimo film di Lawrence Kasdan del 1983. E sì, è un album molto cinematografico, nato da un racconto in un'osteria di Bologna, come racconta Lolli: "Di solito a Bologna le decisioni si prendono in osteria. Oppure: le idee vengono in osteria. Così una sera qualunque ci trovammo di fronte ad uno di questi tavoli lunghi e grezzi a chiacchierare di calcio. Fuori nevicava, faceva freddo, era giovedì. Non so perché mi venne in mente un vecchio film di Kasdan, Il grande freddo, the big chill, e cominciai a raccontarlo. Io racconto molto bene, ma quella sera li trovai particolarmente interessati al mio dire: facevano obiezioni, chiedevano precisazioni, raccontavano esperienze di carcere e di sopraffazioni. A un tratto fu chiaro a tutti: quelle chiacchiere si dovevano trasformare in qualcosa di meno effimero". Testi e musica dei brani contenuti nel disco sono di Claudio Lolli, con qualche eccezione: in "Prigioniero politico" la musica è di Roberto Soldati e Claudio Lolli), in "Gli uomini senza amore" la musica è di Danilo Tomasetta, in "Sai com'è" di Marino Severini.

Qualche parola sulla nuova collaborazione con il nucleo degli Zingari Felici: non aspettatevi una versione aggiornata di "Ho visto anche degli zingari felici". Questo disco ha in comune con la collaborazione del 1976 per "Ho visto anche degli zingari felici" per lo più lo spirito amicale che ne è all'origine. Anche stavolta, come era successo quarant'anni fa, le canzoni sono nate dagli spunti creativi di Lolli e Tomasetta e Soldati hanno un po' "ordinato" tutto il materiale. La similitudine finisce lì. Come spiega lo stesso Danilo Tomasetta, poi, "Gli zingari" non nasceva per essere un disco, ma una suite live da portare nelle piazze e nei locali. "Il grande freddo" nasce invece come progetto discografico e dal punto di vista musicale questo fa una grande differenza.

TRACKLIST

01. Il grande freddo (04:34)
02. La fotografia sportiva (05:58)
03. Non chiedere (05:06)
04. 400000 colpi (06:36)
05. Sai com'è (05:46)
06. Gli uomini senza amore (04:19)
09. Raggio di sole (05:53)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.