«DELIVERANCE - Prince» la recensione di Rockol

"Deliverance", l'ep postumo di Prince bloccato dagli eredi, è una piacevole sorpresa

Abbiamo ascoltato le cinque canzoni inedite che sarebbero dovute uscire oggi per l'anniversario della morte di Prince e ci siamo ancora una volta commossi

Recensione del 21 apr 2017 a cura di Michele Boroni

La recensione

“Deliverance” è la prima delle tante raccolte di Prince che, verosimilmente, usciranno nei prossimi mesi con le canzoni contenute nella cosiddetta The Vault, la leggendaria cassaforte simbolo dell'eredità musicale di Prince sotto forma di centinaia di tracce mai edite. Insieme agli annunci seguiranno anche le (in)evitabili polemiche e battaglie legali tra i vari aventi diritto.

Questo EP di 16 minuti messo insieme dell’ingegnere del suono Ian Boxill, ad esempio, forse non verrà mai pubblicato: sarebbe dovuto uscire oggi a un anno dalla morte del cantante di Minneapolis, ma gli eredi nei giorni scorsi hanno ottenuto dal tribunale l'ingiunzione per fermare, quantomeno provvisoriamente, la pubblicazione.

Noi abbiamo fatto in tempo ad ascoltarlo, in quanto trapelato ugualmente nonostante il blocco, e proviamo a raccontarvelo. Le premesse non erano incoraggianti: trattasi infatti di registrazioni tra il 2006 e il 2008, ovvero tratte dalle session di “3121” e “Planet Earth”, due dischi estremamente deboli, noti solo per le strategie di distribuzione (in Inghilterra “Planet Earth” fu distribuito come allegato gratuito del Mail on Sunday) piuttosto che per il contenuto musicale.

Invece le cinque tracce inedite contenute in questo ep sono interessanti e stimolanti. La title-track “Deliverance” è un gospel/blues di ottimo livello, con tanto di coro e bel solo di chitarra, dal testo molto spirituale e con la voce di Prince che passa dal falsetto al tono più greve.

Le altre canzoni contenute nell'ep sono collegate tra loro in modo da formare un unico movimento: “I Am” ricorda, nel modo di suonare molto power rock, la formazione delle 3rdeyegirl, le tre ragazze con cui Prince si accompagnava intorno dal 2012 al 2014. I fan di Prince più attenti potranno riconoscere gli accordi usati in quella “Tambourine” che faceva bella mostra di sé in “Around the world in a day”, il disco più bianco e psichedelico del Nostro insieme con i Revolution uscito nel 1985.

I tre brani successivi sono piccoli quadretti che funzionano l'una come introduzione dell'altra: la sognante “Touch me” costruisce un'atmosfera bucolica che fa da efficace suite per “Sunrise Sunset”, una traccia che ci porta dalle parti di Broadway, con piano operistico, l'orchestra ridondante e testi sdolcinati cantanti da Prince con una voce non sempre all'altezza. Ma anche questo breve brano funziona da intro per “No one else”, la traccia più particolare di questo disco che ricorda le atmosfere misteriose ascoltate nel mitico e mal distribuito “Crystal Ball”, con una struttura che a tratti sembra quasi improvvisata, ma assai affascinante sia nel cantato sia nell'arrangiamento. Il disco si chiude con una visione allungata di “I am” che sa un po' di riempitivo.

E' impossibile sapere cosa Prince avesse in mente di fare con queste canzoni ma, sarà che in questi giorni siamo particolarmente vulnerabili per l'anniversario della morte, dobbiamo dire che le cinque tracce funzionano a meraviglia e sono qualitativamente superiori ai dischi realizzati nella seconda metà degli anni zero.

Ci auguriamo solo che in futuro la collezione dei brani inediti sarà gestita e distribuita con più fluidità, evitando tribunali e lunghe contese. Come disse Sinatra, the best is yet to come.

TRACKLIST

EP
01. "Deliverance" (03:45)
02. "I Am" (02:25)
03. "Touch Me" (01:49)
04. "Sunrise Sunset" (01:13)
05. "No One Else" (02:53)
06. "I Am (Extended)" (03:50)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.