«UN GIORNO NUOVO - Sick Tamburo» la recensione di Rockol

Sick Tamburo: leggi qui la recenzione di "Un giorno nuovo"

“Un giorno nuovo” è il quarto disco dei Sick Tamburo, in uscita il 13 aprile per La Tempesta Dischi. Prodotto da Gian Maria Accusani nel suo home studio per Discgust Music Production, contiene nove tracce originali...

Recensione del 14 apr 2017 a cura di Marco Jeannin

La recensione

Prodotto, registrato e mixato da Gian Maria Accusani al GM House Recording (Pn). Masterizzato al Newmastering (Mi). Sick Fantastic Crew: Elisabetta Imelio, Gloria Abbondi, Alessio Ghezzi, Claudio Marino, Faisal Moro, Leo Magnolfi, Gabriele Ponticiello, Gian Maria Accusani.

Tutti i pezzi sono di Gian Maria Accusani.

Stiamo parlando dei Sick Tamburo e del loro quarto disco, “Un giorno nuovo”. Nove pezzi nati in tre anni: tanto è passato dal più che convincente “Senza vergogna”, e proprio da “Senza vergogna i Sick Tamburo sono ripartiti, arroventando il loro spettro sonoro con chitarre più affilate al servizio del songwriting di un Accusani che sembra non mostrare mai segni di cedimento. E sì, parlo da fan, ma solo perché posso permettermelo. Nel senso che non mi esporrei in questo modo se non fossi supportato da prove concrete quali “Sei il mio demone”, classico pezzo alla Sick Tamburo (ormai possiamo dirlo), o “Perdo conoscenza”, episodio che spiega piuttosto bene perché tra i fan numero uno, oltre al sottoscritto, trovate anche quel Francesco Motta che tanto ha fatto bene con il suo “La fine dei vent’anni” e che qui ritroviamo in “Meno male che ci sei tu”, intento a cantarsela e suonare la darabouka. Darabouka che, tanto per la cronaca, è uno strumento musicale a percussione del gruppo dei membranofoni, utilizzato tradizionalmente in Nord Africa. Non lo sapevo… l’ho scoperto anch’io praticamente adesso, ma tant’è. Quarto disco, si diceva. Il tempo passa, e per i Sick Tamburo questo significa produrre pezzi sempre più concreti, concisi e solidi. La band, oramai completamente smarcata dagli strascichi del periodo post Prozac +, celebra la propria totale indipendenza artistica con un lavoro che trova i suoi momenti migliori quando non cerca di piacere, vedi il primo singolo e titletrack “Un giorno nuovo”, unico pezzo che non mi ha convinto fino in fondo, ma si lascia andare facendo quello che gli riesce meglio. Pezzi da due passaggi e tiro in porta, quel pop Tamburo D.O.P. dal gusto secco che possiamo definitivamente certificare come prodotto autentico, qui saltuariamente virato in sintetico, giusto per non stare sempre a ripetersi, ma presente anche in forma pura, inevitabilmente più punk, come in “Dedicato a me” o nella bella “Ad altro siamo pronti”.

Un giorno nuovo è il giorno in cui riusciamo a vedere il mondo per quello che veramente è, senza tutti i filtri dell'educazione che ci accompagnano da sempre. È il giorno in cui lasciamo andare la maggior parte delle cose a cui davamo vitale importanza, rendendoci finalmente conto che di importanza non ne avevano alcuna. È il giorno in cui lasciamo andare tutte quelle cose che sono solo estensioni del nostro ego e ci rendiamo conto di quanto sia importante vedere il sole che si alza al mattino. Il giorno nuovo è il giorno del grande cambiamento. Del cambiamento dentro di noi.

Un cambiamento che si fa cantare che è un piacere. A casa, e fronte palco. “La fine della chemio" poi è un pezzo bello e molto intelligente, con un crescendo davvero niente male. 

TRACKLIST

01. Un giorno nuovo (03:52)
02. Sei il mio demone (03:39)
03. Oltre la collina (03:33)
04. Perdo conoscenza (02:47)
05. Con prepotenza (03:52)
06. Dedicato a me (03:46)
07. Meno male che ci sei tu (03:49)
08. Ad altro siamo pronti (03:15)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.