«CANNIBALE - Le Capre a Sonagli» la recensione di Rockol

Le Capre a Sonagli: leggi qui la recensione del nuovo album "Cannibale"

Nove pezzi all’insegna di uno stoner folk, che unisce garage, ritmi tribali, psichedelia e fuzz, prodotti da Tommaso Colliva...

Recensione del 14 mar 2017 a cura di Marco Jeannin

La recensione

 Il treno in ritmica cadenza sincopata percorre veloce nove terre popolate da strane storie grottesche. Il capotreno è una Capra con strani occhi umani, il suo puzzo caprino riempie i vagoni e le narici dei viaggiatori s’irrorano d’immagini, personaggi e storie tanto concreti quanto surreali. La bestia è famelica, una fame insaziabile divora la sua mente, e nella testa dei passeggeri la domanda è una sola: la Capra è Cannibale?

Una bestia che si nutre di stoner, per la precisione. E psichedelia. E ritmi più tribali che mai. Questo sono Le Capre a Sonagli, o meglio… questo sono Le Capre a Sonagli oggi. “Cannibale” arriva a due anni da “Il fauno”, due anni in cui la band si è presa il tempo per lavorare con cura al disco, con un’idea ben precisa in testa: cambiare, provare, sperimentare. 

Nello specifico, per prima cosa sperimentare con la voce, diventata ora a tutti gli effetti parte integrante del costrutto psichedelico dei nove pezzi di “Cannibale” tanto da arrivare a considerarla come uno strumento vero e proprio perfettamente integrato e non come realtà a parte. Sperimentare poi con la musica: basso e batteria, motori fondamentali di questo lavoro, vanno a supportare i riff e le sferragliate ruvide di chitarra qui trattata a dovere e agghindata da suoni di catene, piatti rotti e seghe circolari.

Un mix potenzialmente incontrollabile che Tommaso Colliva, a fianco della band da luglio 2016, ha saputo gestire alla perfezione, miscelando gli ingredienti di questo calderone freak stoner (“L’arca di Hitchcock”, “Cannibale in mare”), tribale (“Gallo da combattimento”) e psichedelico (un po’ tutto) nel modo più giusto, e cioè impedendo ai singoli elementi di prevalere l’uno sull’altro per premiare la coesione di un suono che nella sua stramba totalità genera atmosfere insolite, al limite dell’horror grottesco (“Ride il pagliaccio”). E, infine, sperimentare con i testi: poche parole, poche immagini ma di grande impatto e in linea con il concept del disco.

Giungla mi offro a te nuda, giungla fa di me linfa / Va funesta fin laggiù la mia testa / Sulla cima del tempio, lama taglia il mio teschio / Va funesta fin laggiù la mia testa / Presto morirò, smetterà di battere questo cuore che dono per far piovere / Festa si farà quando e il cielo a piangere quando ci sarà grano da raccogliere”.

Registrato nel giro di un mesetto a fine novembre 2016 all'ISHTAR di Milano con Tommaso Colliva e Marco Olivi, poi mixato a Londra nel TOOMILAB sempre da Colliva e masterizzato alla Maestà da Giovanni Versari, “Cannibale”, nel suo essere comunque una piccola rivoluzione, conferma per l'ennesima volta la band bergamasca. A conti fatti, questa è la terza di seguito. Niente male davvero. 

TRACKLIST

01. L'arca di Hitchcock (03:16)
02. Cannibale in mare (03:11)
03. Gallo da combattimento (03:37)
04. Treno per il Tibet (02:54)
05. La iella (03:07)
06. Icaro (02:51)
07. Ride il pagliaccio (02:19)
08. Rito azteco (03:12)
09. Nerone (04:45)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.