«END OF DAYS - SOUNDTRACK - Artisti Vari» la recensione di Rockol

Artisti Vari - END OF DAYS - SOUNDTRACK - la recensione

Recensione del 06 gen 2000

La recensione

«… il protagonista di “End of days” è Arnold Schwarzenegger, nella parte di Jericho Cane, un ex-poliziotto che si trova suo malgrado ad essere il protagonista di questo elettrizzante, terribile thriller.
Quando la suprema personificazione del male si scatena sulle terra, Cane viene involontariamente trascinato in una sfida soprannaturale, una sorta di gioco mozzafiato del gatto con il topo…
Ora, quando mancano ormai pochi giorni alla fine, solo una donna può rappresentare la salvezza, e il suo destino è nelle mani incerte di Cane…» Vi basti questo per carpire qualcosa delle atmosfere torbide e apocalittiche del nuovo film di Arnoldo Neronegro, in perfetto pendant con la fine del millennio, del mondo, ecc. (tanto se leggerete questa recensione vorrà dire che il mondo non è finito, oppure che vi trovate in uno dei libri di Philip Dick e probabilmente avete calato qualche droga in grado di ‘traslarvi’ sulla Terra). La musica ivi raccolta non è certo più rassicurante del film e delle sue atmosfere, anzi: grazie ad uno spaventoso inizio a base di Korn ed Everlast, con un simpatico rallentamento a cura di Limp Bizkit, si accelera a dismisura con Guns N’Roses, Prodigy e Rob Zombie, e scavalcati gli ultimi due ‘ostacoli’ – non ce ne vogliano gli interessati Powerman 5000 e Stroke – si arriva al vecchio e candido (si fa per dire) cuore rock della compila, ossia Sonic Youth e Creed, passato sonico e presente grungico. E’ roba da farsi male, questa raccoltine di brani, niente palati e padiglioni sottili, ma solo per attenti rockfans contemporanei, da tempo affini allo spostamento techno-metal delle care vecchie coordinate di genere. “End of days” propone con orgogliosa altisonanza anche la prosecuzione della favola dei Guns N’Roses, cavalli al galoppo tra la fine degli ’80 e l’inizio dei ’90, ronzini fermi al palo per tutto il resto del secolo e adesso nuovamente resuscitati al ruolo di rudi destrieri e pronti a salutare il terzo millennio con un nuovo album di studio, pronto nei prossimi mesi. Il pezzo, non c’è che dire, è molto spostato in avanti rispetto al passato, se non dal punto di vista calorico quanto meno da quello del condimento: il suono tempestoso di Axl & company bacia la tecnologia e l’odore di apocalisse urbana che permea la vita delle grandi città, e li metabolizza in un condensato perfetto per fare da supporto alle immagini di questo film. Per il resto non c’è niente che potrà deludervi, su questa raccolta, soprattutto se amate il genere: gruppi come Korn, Everlast, Prodigy sanno il fatto loro, Sonic Youth e Creed sono delle garanzie così come il buon Rob Zombie: pollice verso forse solo per i Limp Bizkit, un po’ noiosi con “Crushed” ma capaci di proporre di meglio, come testimonia il loro album “Significant other”. Aggrappatevi alla poltrona, sparate lo stereo ad alta quota e lanciatevi alla fine dei giorni: se arrivate fino in fondo, sarete vaccinati per tutto il millennio…
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.