Rockol - sezioni principali

Recensioni / 02 mar 2017

Giusy Ferreri - GIROTONDO - la recensione

Giusy Ferreri ritrova la strada per il pop: la recensione di "Girotondo"

Dopo alcuni passi falsi, la cantante si è rimessa in carreggiata (complice il duetto con Baby K) e ora pubblica un nuovo album che la vede tornare alle sonorità pop degli esordi: tra gli autori ci sono Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti e Zampaglione.

Voto Rockol: 3.0/5
Recensione di Mattia Marzi
GIROTONDO
Sony (CD)

Cosa sarebbe successo alla carriera di Giusy Ferreri se dopo il boom di "Non ti scordar mai di me" e "Novembre" avesse continuato a sfornare hit schiettamente pop, anziché virare verso un repertorio più difficile, quasi rinnegando il periodo post X Factor? Gli ultimi anni della sua carriera non sono stati così raggianti, dal punto di vista dei numeri: l'album di inediti del 2014, "L'attesa", è stato un mezzo passo falso che non è riuscito a riportare Giusy ai fasti degli esordi. Da quel vicolo cieco, la Ferreri ne è uscita nell'estate del 2015, grazie al duetto con Baby K: "Roma-Bangkok" l'ha rilanciata, le ha indicato la strada da seguire a livello di suono e produzione. Questo nuovo album in studio, "Girotondo", sembra quasi una prova del nove: Giusy può tornare ai grandi numeri di qualche anno fa?


La Ferreri ci prova con un disco di canzoni che ripropongono in qualche modo la formula degli ultimi singoli che ha pubblicato, da "Roma-Bangkok" a "Volevo te". "Fa talmente male", la canzone che Giusy ha presentato in gara al Festival di Sanremo 2017, riassume un po' l'intero disco: ritmica incalzante, ritornelli che ti si appiccicano in testa, sonorità un po' elettroniche e un po' latine. "Girotondo", che è stato prodotto da Fabrizio Ferraguzzo (già al fianco della cantante per gli inediti della raccolta "Hits"), suona tutto più o meno così: "L'amore tante volte" è un misto tra sonorità dance e reggaeton (con un ritmo in levare), "Col sole e col buio" è una semplice canzone "pop" e così anche "Tornerò da te". È un disco di potenziali singoli, che è un po' un'arma a doppio taglio: perché se da un lato l'album appare piuttosto omogeneo a livello di suoni e stili, al tempo stesso non c'è una canzone che spicca sulle altre, che dà una svolta.

I brani portano le firme di autori più o meno noti della nuova scena pop italiana: da Roberto Casalino a Federica Abbate, passando per Dario Faini, Diego Mancino e Alessandro Raina. Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti ha partecipato alla scrittura di due canzoni dell'album: "Partiti adesso" e "Occhi lucidi", che sono due canzoni con un bel piglio pop, semplici, dritte e in pieno stile Thegiornalisti. Tra gli autori del disco compaiono anche Federico Zampaglione dei Tiromancino (che duetta pure con Giusy Ferreri in "L'amore mi perseguita") e Marco Masini (che ha co-firmato "Immaginami").

"Girotondo" rappresenta una rottura precisa nei confronti degli ultimi due album in studio della Ferreri: siamo lontanissimi sia dalle sonorità rock di "Il mio universo" sia da quelle di "L'attesa". Giusy sembra essere tornata sui suoi passi, alle canzoni pop che qualche anno fa l'avevano portata a raggiungere traguardi di tutto rispetto (come le 11 settimane consecutive al primo posto della classifica). Non a caso, sulla copertina dell'album, alle spalle della cantante, c'è una gigantesca bussola con i punti cardinali sbagliati: "A volte, quando cerchiamo di percorrere quella che pensiamo sia la strada giusta, sbagliamo itinerario: ma è proprio sbagliando itinerario che arrivano le sorprese", ha detto nella nostra intervista. Anche se, alla luce di questo nuovo cambio di rotta, l'ennesimo, verrebbe da chiedersi: chi è davvero Giusy Ferreri?

TRACKLIST

01. Fa talmente male - (02:59)
02. L'amore tante volte - (03:01)
03. Partiti adesso - (03:14)
04. L'amore mi perseguita - (03:25)
05. È finita l'estate - (03:20)
06. Occhi lucidi - (03:30)
07. Col sole e col buio - (03:28)
08. Girotondo - (03:33)
09. La distanza - (03:02)
10. Il mondo non lo sa più fare - (03:37)
11. Tornerò da te - (03:21)
12. Immaginami - (03:35)
13. Il resto del mondo è diverso da te - (03:18)
14. La Gigantessa - (04:11)