«BLACK & WHITE NIGHT 30 (LIVE) - Roy Orbison» la recensione di Rockol

Il "comeback concert" di Roy Orbison, 30 anni fa

"Roy Orbison singin' for the lonely", cantava Bruce. Conoscete la storia di questo leggendario concerto con Springsteen, Jackson Browne, Elvis Costello e Tom Waits, tutti assieme per onorare e rilanciare Orbison?

Recensione del 01 mar 2017 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

"The screen door slams, Mary's dress waves / Like a vision she dances across the porch as the radio plays / Roy Orbison singin' for the lonely / Hey, that's me and I want you only": i versi di apertura di "Thunder Road" sono l'omaggio ad una delle più grandi voci e penne della musica americana, Roy Orbison. Per suoi i 30 anni, viene ristampato in una nuova versione questo memorabile film concerto con Springsteen, Jackson Browne, T Bone Burnett, Elvis Costello, Tom Waits, Bonnie Raitt.

La storia del disco:
Negli anni '60 la popolarità di Roy Orbison rivaleggiava con quella dei Beatles. Ma alla fine del decennio era in disgrazia, e gli anni successivi lo videro affrontare problemi personali e professionali enormi (tra cui la morte della moglie e di due figli, in due incidenti distinti). La stima dei colleghi per il suo stile non venne mai meno, come dimostrato già dalla citazione di Springsteen (del '75).
Nell'87 la sua carriera riprese piede grazie ad una serie di collaborazioni, tra cui un duetto con k.d. lang, che gli valse un Grammy. Nello stesso anno registrò un "comeback show" per la televisione, con tutti i suoi grandi estimatori a fargli da backing band: venne prima pubblicato come video, poi anche come disco.
Seguirono la collaborazione con Jeff Lynne, Bob Dylan, Tom Petty e George Harrison per i Traveling Wilburys, e un album, "Mistery girl", prodotto sempre da Lynne, a cui parteciparono anche gli U2. Sarebbe però uscito postumo, però, perché la sfortuna non aveva finito di tormentarlo: a fine '88 morì per un infarto, a soli 52 anni.

Come suona e cosa c’è dentro.

Questa nuova versione esce in CD+DVD, CD+Blu Ray, o solo audio (in digitale). Nell'audio i sono parecchie chicche, tratte dallo show, tra cui una versione alternativa di "Oh, Pretty woman" (che andò al numero 1 nel '64, e sarebbe tornata al successo nel '90 grazie al film con Richard Gere e Julia Roberts) e 5 brani dalle prove da scaricare (solo se comprate la versione fisica, come bonus).
La parte video è stata completamente rivista e rimontata a partire dal girato originale (ore e ore, riprese da 7 telecamere, rigorosamente in bianco e nero) e comprende video inediti delle prove e interviste agli artisti. Sia in video che in audio, le canzoni sono state riordinate secondo la scaletta originaria dello show e contengono anche l'inedita "Blue Angel", non inclusa nelle versioni precedenti. E il bello è che nel concerto tutti gli artisti che accompagnano Orbison non si sentono o quasi: non ci sono duetti, fanno semplicemente da accompagnatori, in segno di rispetto verso un artista che ha influenzato così profondamente la loro carriera.

Perché ascoltarlo (o perché girare alla larga)
Se sperate di sentire Bruce o gli altri, lasciate perdere. Suonano, fanno i cori, ogni tanto fanno capolino con qualche assolo, come in "Oh, pretty woman", o nel duello finale delle chitarre nella stessa canzone. Per il resto c'è il repertorio mai abbastanza incensato di uno dei più grandi di sempre. Basta questo per consigliarlo spassionatamente.

La canzone fondamentale

Difficile sceglierne una in questo repertorio così sterminato. Ma, oltre alla lunga versione finale di "Oh, pretty woman", con le chitarre d scegliamo "Only the lonley", che apre il disco ed è il brano citato da Springsteen in Thunder Road.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.