«LA REVOLUTION BOURGEOISE - Criminal Party» la recensione di Rockol

L'Italia garage colpisce ancora

Un altro ottimo manufatto di garage rock tricolore, con una storia radicata negli anni Ottanta

Recensione del 15 dic 2016 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Ancora Italia, ancora garage rock – con tocchi psych e punk made in California – per una band dalla storia travagliata, iniziata nei frizzantissimi anni Ottanta (frizzantissimi per l’underground italico, ovviamente).

Dal 1986 a oggi i palermitani Criminal Party hanno attraversato fasi di attività e di quiescenza, facendo virate e aggiustamenti di sound. Ora, con questo “La revolution burgeoise” – che consta di ben 18 tracce – la band è in un certo senso tornata alle proprie origini, abbracciando un sound garage rock molto Sixties nell’impatto, con l’inserimento di suggestioni calibrate che rimandano all’età dell’oro del punk losangelino che pulsò fra il 1978 e il 1980 (nomi come Alleycats, Bags, Weirdos e poi anche Zarkons). Ruvidezza, pathos, mood supervintage, energia, melodia: in due parole garage punk – ma fatto con gli attributi fumanti come se fossero su una griglia.

Un ascolto piacevolissimo e rinfrescante, che riporta al lato oscuro della Città degli Angeli, più che al meraviglioso capoluogo siculo, quindi. Un CD che non deluderà chi vorrà dargli una chance. Unico appunto: la voce femminile (delle bravissime Lisjac e Vicky Jam – ci sono meravigliosi echi di Lilith dei Not Moving nel loro stile vocale, a tratti) in alcuni frangenti sembra svettare troppo nel mixaggio, coprendo la potenza del tappeto musicale.

Se amate e avete amato il rock underground italiano degli Eighties, questo disco è da avere.

TRACKLIST

01. La revolution bourgeoise (01:49)
02. Angry and Tired (03:30)
03. What About You? (03:14)
04. Join Us! (02:31)
05. Crime After Crime (03:07)
06. In a Time Machine (02:03)
07. Rebel World (03:44)
08. Burned Generation (03:18)
09. Dangerous Minds (04:07)
10. Betelgeuse (03:08)
11. Wasted Life (03:53)
12. Something Wrong (03:27)
13. We Hate You (02:35)
14. Assault at the Central Bank (03:42)
15. Politics in Love (03:16)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.