«STIGMATA - COLONNA SONORA - Artisti Vari» la recensione di Rockol

Artisti Vari - STIGMATA - COLONNA SONORA - la recensione

Recensione del 16 dic 1999

La recensione

Colonna sonora del film omonimo, prodotto dalla Metro Goldwyn Mayer con un cast di attori principali composto da Patricia Acquette e Gabriel Byrne, “Stigmata” può agevolmente essere diviso in due parti: quella relativa alle canzoni e quella con la musica appositamente scritta per il film. Entrambe sono unite da una certa componente esoterico-soprannaturale, che si svela appieno nelle sequenze chiave del film (visitate il sito www.mgm.com/stigmata per farvene un’idea) e che nelle canzoni presenti all’inizio del Cd garantisce un andamento avvincente. Bello il brano dei Chumbawamba, angoscioso e celebrativo al tempo stesso, superlativo quello dei Remy Zero, di livello altrettanto alto sono i due brani di Bjork e David Bowie, mentre anche Afro Celt Sound System e Natalie Imbruglia fanno la loro parte. I Massive Attack, dal canto loro, giocano quasi in casa, visto l’atmosfera tetra che circonda gran parte delle loro composizioni. Il discorso non cambia per le composizioni scritte e orchestrate da Billy Corgan – mente degli Smashing Pumpkins – e Mike Garson: roba minimal-gotica, il perfetto coacervo di sogni, incubi e visioni che si agita da tempo nelle canzoni della major band. Il lavoro fatto dai due è a dir poco suggestivo, dimostrando che spesso quello che si nasconde dietro delle pur splendide ‘canzoni’ è un talento ben più profondo e complesso, in grado di scrivere ‘musica’ senza ogni altro tipo di definizione. Le composizioni di Corgan sono davvero intriganti, e mettono in luce un talento scenografico non comune, l’abilità di vestire la musica di abiti di volta in volta cangianti ma ispirati allo stesso ‘mood’. Per i vostri momenti cupi, o dark che dir si voglia, “Stigmata” è la voce perfetta. Dark Christmas.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.