«HARDWIRED… TO SELF-DESTRUCT - Metallica» la recensione di Rockol

I Metallica sono in forma: ecco "Hardwired… to Self-Destruct"

“Hardwired… To Self Destruct”: 12 brani dritti, diretti, freschi e Metallica al 100%. Era parecchio che Hetfield & i suoi non ci facevano un regalo così. La recensione

Recensione del 17 nov 2016 a cura di Andrea Valentini

La recensione

È un ritorno atteso e sospirato quello dei Metallica (son passati otto anni da “Death Magnetic” - e “Lulu” con il compianto Lou Reed non è certo servito ad alleviare la pena). Come accade per tutti i dischi partoriti in tempi lunghi, c’era chi temeva che la montagna potesse partorire il classico topolino… ma siamo lieti di confermare che non è andata così: il gigante si è preso il suo tempo, ma ha fatto un bel lavoro. Anzi, ha gettato le basi per quella che – anche se è prematuro affermarlo – potrebbe essere una seconda giovinezza per Hetfield & co. In poche parole: “Hardwired… To Self Destruct” è davvero il lavoro più solido, convincente e soddisfacente che i Metallica sfornano dagli ormai lontani tempi del loro omonimo disco (alias “Black Album”).

Se i due album precedenti (“St. Anger” e “Death Magnetic”) suonavano vagamente come i Metallica che tentavano di tornare a fare i Metallica, ma sembravano non essere pienamente sicuri della loro scelta, questa volta la missione è stata compiuta e brillantemente. Quindi, con tutto il rispetto, siamo ben felici di accantonare i due predecessori (ma anche le distonie del loro periodo più rock targato “Load” e “ReLoad”) e – con un’operazione orwelliana stile “1984” – fingere che questo sia il capitolo seguente al “Black Album”. Anche se, a onor del vero, questo non è l’approccio corretto, perché a un’analisi più approfondita diviene chiaro che “Hardwired… To Self Destruct” è piuttosto un album inclusivo, che distilla accuratamente tutto ciò che è venuto prima per creare una miscela piacevolissima.

La band ha scelto la dimensione del doppio album per contenere 12 brani nuovi – distribuiti equamente, sei per ogni CD – restando fedele alla formula ufficiosa per cui il pezzo di apertura e quello di chiusura devono essere semplicemente i più furiosi e deflagranti (“Hardwired” e “Spit Out The Bone”, nella fattispecie). In mezzo c’è spazio per un delizioso paesaggio alla Hieronymus Bosch con spunti lovecraftiani (“Dream No More” recupera Cthulhu ancora una volta: in pratica il mostro in questione è quasi il quinto Metallica ormai), a base di metal, thrash, punk metal e qualche pizzico di rock sepolcrale alla Black Sabbath. In due parole: bentornati Metallica.

Gli highlight più succosi sono i già citati due brani piazzati in testa e in coda, l’aggressiva “Moth Into Flame”, la power ballad che vira bruscamente in puro inferno hetfieldiano intitolata “Halo On Fire” e poi “Now That We’re Dead” (love song gotica e sepolcrale, che rievoca i fasti di Tony Iommi e la sua gang sabbathiana). Cinque pezzi che costituiscono l’ossatura di questo lavoro – che, come già noto, presenta brani mediamente molto lunghi (eccetto “Hardwired” e “Spit Out The Bone”) – e lo tengono in piedi rendendolo compatto, a tratti corazzato.

Unica pecca è il fatto che, nell’economia di un doppio album, a tratti qualche momento suona interlocutorio, senza aggiungere molto al mood; una sensazione che affiora in qualche frazione del secondo lato. Ma non è giusto chiedere sempre di più, anche di fronte a un’offerta del genere: perché, credetemi; “Hardwired… To Self Destruct” è davvero un disco che non fa rimpiangere nulla a nessuno, compresi i fan della vecchia guardia.

Buon headbanging a tutti.

TRACKLIST

#1
01. Hardwired (03:09)
02. Atlas, Rise! (06:28)
04. Moth Into Flame (05:50)
05. Am I Savage? (06:29)
06. Halo on Fire (08:15)

#2
01. Confusion (06:41)
02. Dream No More (06:55)
03. ManUNkind (07:17)
04. Here Comes Revenge (06:29)
05. Murder One (05:45)
06. Spit Out the Bone (07:09)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.