«ON EARTH AS IT IS: THE COMPLETE WORKS - Mother Love Bone» la recensione di Rockol

L'opera completa dei Mother Love Bone: la recensione

Un quarto di secolo dopo la morte del cantante Andy Wood, il Freddie Mercury di Seattle, un cofanetto di tre CD e un DVD racconta Mother Love Bone: la recensione

Recensione del 15 nov 2016 a cura di Claudio Todesco

La recensione

Il finale è caotico, i musicisti vanno per i fatti loro, la registrazione si chiude con alcuni secondi di cazzeggio. “Ragazzi, ragazzi, ragazzi!”, dice Andy Wood fintamente scandalizzato agli altri Mother Love Bone. “Qui stiamo spendendo soldi di una grossa etichetta discografica”. Accade alla fine di “Zanzibar”, una delle tracce del cofanetto “On earth as it is: The complete works”, tre CD e un DVD che rappresentano il lascito (definitivo?) della band di Seattle da cui sono nati i Pearl Jam. Alle canzoni pubblicate fra il 1989 e il 1990 nell’EP “Shine” e nell’album “Apple”, qui rimasterizzate, si aggiungono una ventina fra lati B, inediti, performance dal vivo, demo, versioni alternative risalenti anche al 1988, nello sforzo più completo e accurato mai fatto per presentare il repertorio dei Mother Love Bone.

Quei ragazzi stavano effettivamente spendendo soldi di una grossa etichetta discografica, la PolyGram. Ai tempi dell’incisione di “Zanzibar”, i Mother Love Bone erano con i Soundgarden la band di Seattle con le maggiori chance di sfondare. Mentre la Sub Pop stampava magliette con la scritta “Loser”, i gruppi locali più vicini all’hard rock tradizionale attiravano l’attenzione delle major che ne finanziavano le registrazioni – una cosa mai vista da una generazione di musicisti cresciuta con l’idea che lassù, nel Nordovest, la discografia che conta non sarebbe più arrivata. Wood sognava fin da bambino d’essere una rockstar e lo faceva col suo carattere clownesco cui tutto si perdonava. Era il cabarettista metal di Seattle, nella definizione del produttore Jack Endino. E insomma, la PolyGram aveva adocchiato i Mother Love Bone che avevano effettivamente del potenziale sia per la personalità sopra le righe del cantante, sia per il talento dei musicisti che lo affiancavano, il chitarrista Bruce Fairweather, il batterista Greg Gilmore, il bassista Jeff Ament e il chitarrista Stone Gossard, questi ultimi due destinati a fondare i Pearl Jam su basi non dissimili da quelle dei Mother Love Bone.

L’ascolto del primo CD, che raccoglie le canzoni di “Apple” e “Shine”, testimonia il talento del gruppo e ci ricorda che esisteva un’altra Seattle, diversa da quella grunge propagandata dalla Sub Pop: più Queen, Cheap Trick, Kiss che Stooges, Motörhead, Sonic Youth. Per utilizzare riferimenti contemporanei: più Guns n’ Roses che Nirvana. Ci rammenta, pure, quanto i primissimi Pearl Jam dovessero ai Mother Love Bone. Riff, passaggi strumentali, forza muscolare di alcune performance degli uni e degli altri portano chiaramente il marchio di Gossard e Ament. Il fonte delle tracce rare e inedite è ricco e variegato: ci sono semplici divertissement, outtake registrate dal vivo ai Plant Studios per “Shine”, brani dai demo con Jack Endino, pezzi dalla preproduzione di “Apple”, canzoni abbozzate in cui il cantante pare scimmiottare ora Robert Plant, ora Axl Rose. Sia chiaro: non sono pezzi fondamentali, alcuni sono decisamente minori, mostrano un gruppo in cerca della propria identità, ma per essere gli scarti di una band finita ancor prima di pubblicare un vero album, la qualità (anche sonora) è mediamente buona.

A volte ci sono più energia e convinzione che scrittura e originalità, ed è normale. Ci sono provini per voce e chitarra, pezzi dai quali emerge lo spirito cantautorale di Wood, riff che preconizzano le prime cose dei Pearl Jam e c’è la cover degli Argent “Hold you head up” che finì chissà come nei bootleg delle prime incisioni in studio dei Mookie Blaylock. È strano trovare come ultima traccia, decisamente estranea alle altre, la versione di “Stardog champion” suonata nel settembre 2011 dai Pearl Jam per il proprio ventennale, con ospite Chris Cornell che con Wood aveva diviso un appartamento e un pezzo di strada. Il DVD contiene il documentario “The love bone earth affair” già pubblicato in vhs, il video di “Captain hi top”, le esecuzioni dal vivo di “Half ass monkey boy” e I’m in love with my car” all’Oz di Seattle. Il cofanetto, che contiene un libretto di 24 pagine, è disponibile anche su vinile.

Si sa com’è andata a finire: un’overdose ha portato via Andy Wood nel marzo 1990, pochi mesi prima dell’uscita di “Apple”. Per Cornell fu “la perdita dell’innocenza per la scena” e lasciò in Gossard e Ament un vuoto colmato, musicalmente parlando, con i Pearl Jam e i Temple of the Dog. E anche se i Mother Love Bone oggi sono una nota a piè pagina della storia del rock, un gruppo che forse non ha potuto esprimere pienamente il proprio potenziale, il piccolo culto che li circonda rappresenta una consolazione per com’è andata a finire la storia di Wood. L’energia, lo spirito, l’immaginazione di queste incisioni inducono al sorriso e invitano a fare un po’ di headbanging vecchio stile. È materia viva, strappata all’oblio.

TRACKLIST

01. This Is Shangrila (03:47)
02. Stardog Champion (04:57)
03. Holy Roller (04:28)
04. Bone China (03:46)
06. Stargazer (04:58)
07. Heartshine (04:36)
08. Captain Hi Top (03:06)
10. Capricorn Sister (04:19)
11. Gentle Groove (04:04)
12. Mr. Danny Boy (04:49)
13. Crown Of Thorns (06:22)
14. Thru Fade Away (03:44)
18. Holy Roller - Davitt Session (04:53)
20. Hold Your Head Up (05:12)
22. Zanzibar - Shine Version (01:53)
23. Lady Godiva Blues (03:27)
24. Red Hot Shaft (02:10)
25. Seasons Changing - Live At The Plant /2016 (04:09)
27. Lubricated Muscle Drive (03:33)
28. Savwhafair Slide (03:54)
29. Jumpin Jehova (05:37)
30. Showdown (07:32)
31. Bloodshot Ruby (03:52)
32. Elijah (03:36)
34. Have You Ever Kissed A Lady (06:07)
35. Otherside (04:28)
36. These R No Blues (04:35)
37. Made Of Rainbows (04:08)
38. Bloody Shame (03:27)
39. One Time Fire (06:00)
40. Stardog Champion - Live From Alpine Valley / 2011 (06:08)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.