«THE ROLLING STONES IN MONO - Rolling Stones» la recensione di Rockol

Rolling Stones - THE ROLLING STONES IN MONO - la recensione

Recensione del 11 ott 2016 a cura di Claudio Todesco

La recensione

Che ce ne facciamo, nel 2016, di un cofanetto contenente 186 canzoni dei Rolling Stones in versione mono? Che mai ci possono dire canzoni che conosciamo alla perfezione, private dell’effetto stereo? La colpa, forse, è dei Beatles. Sette anni fa la Apple pubblicò un cofanetto di tredici compact disc contenenti le versioni mono di buona parte del repertorio del quartetto di Liverpool. Il box set ottenne un buon successo pur essendo un oggetto pensato per un pubblico di connaisseur che già possedevano i dischi stereo e volevano provare l’ebbrezza di ascoltare i Beatles come li si sentiva negli anni ’60. Entrò in classifica negli Stati Uniti arrivando a un dignitosa quarantesima posizione e fu premiato con il disco di platino. Ora è il turno dei Rolling Stones a cui la ABKCO dedica un cofanetto di 15 CD, con 56 dei 186 brani mai pubblicati in mono, disponibile anche in 16 vinili 180 grammi e in digitale, accompagnato da un booklet di 48 pagine curato da David Fricke di Rolling Stone. Il momento è propizio giacché gli Stones stanno per tornare con un disco blues e hanno due film che li colgono in tour invecchiati, ma ancora scattanti.

Quando nacque il rock, e per molti anni ancora, il mono era lo standard. Niente effetti che rimbalzavano da una cassa all’altra, niente sdoppiamenti degli strumenti, tipo una chitarra ritmica qui e quella solista di là, niente sensazione sono-nella-stanza-col-gruppo. Nell’era precedente la diffusione della stereofonia, la musica popolare aveva una proiezione sonora monodimensionale. Quando gli artisti cominciarono incidere versioni stereo dei loro album a volte non sapevano che farsene della possibilità di differenziare il suono proveniente dalle due casse – lo stesso Mick Jagger disse una volta che la versione stereo di “2000 light years from home” gli pareva orrenda. Per un certo periodo i due formati finirono per convivere pacificamente e le band producevano versioni mono e stereo dello stesso 33 giri. Quell’epoca coincide grosso modo con gli anni in cui il rock britannico come lo consociamo oggi si emancipò dai modelli blues, rock’n’roll e rhythm & blues per diventare un’altra cosa, migliore.

Uno dei significati di “In mono” sta proprio nella possibilità di assistere alla cavalcata che portò i Rolling Stones a trasformarsi da imitatori non eccezionali dei loro idoli blues e rhythm & blues a performer con uno stile unico, da cover band volenterosa ad autori di un repertorio iconico. È un percorso, quello tracciato dal box set, che va dal 1964 al 1969 e passa attraverso quattordici album in studio pubblicati fra il Regno Unito e gli Stati Uniti, giacché un tempo le uscite per i due mercati erano spesso differenziate. Si tratta di “The Rolling Stones” (UK, 1964), “12 x 5” (1964), “The Rolling Stones no. 2” (UK, 1965), “The Rolling Stones now!” (1965), “Out of our heads” (US, 1965), “Out of our heads” (UK, 1965), “December’s children (And everybody’s)” (1965), “Aftermath” (UK, 1966), “Aftermath” (US, 1966), “Between the buttons” (UK, 1967), “Flowers” (1967), “Their satanic majesties request” (1967), “Beggar’s banquet” (1968), “Let it bleed (1969). In più, la nuova raccolta di singoli, lati B e pezzi in origine su EP chiamata “Stray cats” contenente fra le altre cose “Con le mie lacrime”, con una straziante (in tutti i sensi) interpretazione di Mick Jagger in lingua italiana. Si noti che la scelta di includere le versioni UK e US porta inevitabilmente ad avere tracce doppie.

Confrontare questo cofanetto con altre ristampe mono, ascoltare due versioni di “Aftermath” o discutere appassionatamente se “Mother’s little helper” suona meglio in mono, bella compatta, o in stereo, con il sitar di Brian Jones su un canale e il grosso della ritmica dall’altra, può sembrare un piacere solo per cultori. Soprattutto a loro - ma non solo è dedicato il cofanetto. Una buona parte di queste versioni era disponibile sul mercato: l’ascolto comparato mono-stereo può rivelare differenze difficilmente percettibili o più nette, come come “Sympathy for the devil” (per quel che vale, per quest’ultima la mia personale preferenza va alla versione stereo). 

Per dirla con una battuta, "mono is the new super audio cd": masterizzato da Bob Ludwig e supervisionato da Teri Landi, “The Rolling Stones in mono” è un pezzo di storia della musica che amiamo. Almeno due album inclusi nel cofanetto, “Beggar’s banquet” e “Let it bleed”, sono capolavori universalmente riconosciuti, anche se quel punto i mix stereo erano diventati preponderanti rispetto a quelli mono. E poi c'è l’elemento nostalgia:  l’ascolto in mono funziona da macchina del tempo, e ci permette di capire come pensavano gli artisti quando incidevano in quel formato. 

 

TRACKLIST

#1
01. Route 66 (02:22)
02. I Just Want to Make Love to You (02:18)
03. Honest I Do (02:10)
04. Mona (I Need You Baby) (03:36)
05. Now I’ve Got a Witness (Like Uncle Phil and Uncle Gene) (02:32)
06. Little by Little (02:40)
07. I’m a King Bee (02:37)
08. Carol (02:34)
09. Tell Me (You’re Coming Back) (03:49)
10. Can I Get a Witness (02:56)
11. You Can Make It If You Try (02:02)
12. Walking the Dog (03:10)

#2
01. Around and Around (03:04)
02. Confessin’ the Blues (02:50)
03. Empty Heart (02:38)
04. Time Is on My Side (02:54)
05. Good Times, Bad Times (02:31)
06. It’s All Over Now (03:27)
07. 2120 South Michigan Avenue (03:39)
08. Under the Boardwalk (02:47)
09. Congratulations (02:29)
10. Grown Up Wrong (02:06)
11. If You Need Me (02:05)
12. Susie Q (01:52)

#3
01. Everybody Needs Somebody to Love (05:04)
02. Down Home Girl (04:13)
03. You Can’t Catch Me (03:40)
04. Time Is on My Side (03:00)
05. What a Shame (03:03)
06. Grown Up Wrong (02:06)
07. Down the Road Apiece (02:57)
08. Under the Boardwalk (02:47)
09. I Can’t Be Satisfied (03:28)
10. Pain in My Heart (02:13)
11. Off the Hook (02:35)
12. Susie‐Q (01:52)

#4
01. Everybody Needs Somebody to Love (03:00)
02. Down Home Girl (04:13)
03. You Can’t Catch Me (03:40)
04. Heart of Stone (02:49)
05. What a Shame (03:07)
06. Mona (I Need You Baby) (03:35)
07. Down the Road Apiece (02:56)
08. Off the Hook (02:35)
09. Pain in My Heart (02:12)
10. Oh, Baby (We Got a Good Thing Goin’) (02:09)
11. Little Red Rooster (03:06)
12. Surprise, Surprise (02:31)

#5
01. Mercy Mercy (02:47)
02. Hitch Hike (02:26)
03. The Last Time (03:42)
04. That’s How Strong My Love Is (02:25)
05. Good Times (01:58)
06. I’m Alright (02:25)
07. Satisfaction (03:43)
08. Cry to Me (03:09)
09. The Under Assistant West Coast Promotion Man (03:07)
10. Play With Fire (02:15)
11. The Spider and the Fly (03:39)
12. One More Try (01:59)

#6
01. She Said Yeah (01:36)
02. Mercy Mercy (02:47)
03. Hitch Hike (02:26)
04. That’s How Strong My Love Is (02:25)
05. Good Times (01:59)
06. Gotta Get Away (02:07)
07. Talkin’ ’Bout You (02:32)
08. Cry to Me (03:10)
09. Oh, Baby (We Got a Good Thing Goin’) (02:08)
10. Heart of Stone (02:51)
11. The Under Assistant West Coast Promotion Man (03:07)
12. I’m Free (02:25)

#7
01. She Said Yeah (01:35)
02. Talkin’ ’Bout You (02:31)
03. You Better Move On (02:40)
04. Look What You’ve Done (02:16)
05. The Singer Not the Song (02:23)
06. Route 66 (02:40)
07. Get Off of My Cloud (02:56)
08. I’m Free (02:24)
09. As Tears Go By (02:46)
10. Gotta Get Away (02:07)
11. Blue Turns to Grey (02:29)
12. I’m Moving On (02:15)

#8
01. Mother’s Little Helper (02:46)
02. Stupid Girl (02:56)
03. Lady Jane (03:09)
04. Under My Thumb (03:24)
05. Doncha Bother Me (02:41)
06. Goin’ Home (11:18)
07. Flight 505 (03:27)
08. High and Dry (03:08)
09. Out of Time (05:19)
10. It’s Not Easy (02:56)
11. I Am Waiting (03:11)
12. Take It or Leave It (02:46)
13. Think (03:09)
14. What to Do (02:30)

#9
01. Paint It, Black (03:24)
02. Stupid Girl (02:56)
03. Lady Jane (03:09)
04. Under My Thumb (03:24)
05. Doncha Bother Me (02:41)
06. Think (03:16)
07. Flight 505 (03:27)
08. High and Dry (03:08)
09. It’s Not Easy (02:55)
10. I Am Waiting (03:16)
11. Going Home (11:19)

#10
01. Yesterday’s Papers (02:18)
02. My Obsession (03:19)
03. Back Street Girl (03:26)
04. Connection (02:12)
05. She Smiled Sweetly (02:44)
06. Cool, Calm & Collected (04:15)
07. All Sold Out (02:16)
08. Please Go Home (03:16)
09. Who’s Been Sleeping Here? (03:53)
10. Complicated (03:16)
11. Miss Amanda Jones (02:49)
12. Something Happened to Me Yesterday (04:56)

#11
01. Ruby Tuesday (03:13)
02. Have You Seen Your Mother, Baby, Standing in the Shadow? (02:35)
03. Let’s Spend the Night Together (03:27)
04. Lady Jane (03:09)
05. Out of Time (03:40)
06. My Girl (02:38)
07. Back Street Girl (03:25)
08. Please Go Home (03:17)
09. Mother’s Little Helper (02:46)
10. Take It or Leave It (02:47)
11. Ride On, Baby (03:00)
12. Sittin’ on a Fence (03:02)

#12
01. Sing This All Together (03:47)
02. Citadel (02:50)
03. In Another Land (03:13)
04. 2000 Man (03:08)
05. Sing This All Together (See What Happens) (08:39)
06. She’s a Rainbow (04:35)
07. The Lantern (04:25)
08. Gomper (05:10)
09. 2000 Light Years From Home (04:44)
10. On With the Show (03:43)

#13
01. Sympathy for the Devil (06:30)
02. No Expectations (03:56)
03. Dear Doctor (03:22)
04. Parachute Woman (02:20)
05. Jigsaw Puzzle (06:06)
06. Street Fighting Man (03:15)
07. Prodigal Son (02:51)
08. Stray Cat Blues (04:37)
09. Factory Girl (02:09)
10. Salt of the Earth (04:49)

#14
01. Gimme Shelter (04:31)
02. Love in Vain (04:19)
03. Country Honk (03:07)
04. Live With Me (03:33)
05. Let It Bleed (05:28)
06. Midnight Rambler (06:52)
07. You Got the Silver (02:50)
08. Monkey Man (04:11)
09. You Can’t Always Get What You Want (07:30)

#15
01. Come On (01:51)
02. I Want to Be Loved (01:54)
03. I Wanna Be Your Man (01:45)
04. Stoned (02:12)
05. Fortune Teller (02:19)
06. Poison Ivy (version 1) (02:36)
07. Bye Bye Johnny (02:11)
08. Money (02:33)
09. Poison Ivy (version 2) (02:08)
10. Not Fade Away (01:49)
11. I’ve Been Loving You Too Long (02:57)
12. The Under Assistant West Coast Promo Man (single version) (03:16)
13. 19th Nervous Breakdown (03:58)
14. Sad Day (03:02)
15. Con le Mie Lacrime (As Tears Go By) (02:49)
16. Long, Long While (03:03)
17. Who’s Driving Your Plane? (03:17)
18. We Love You (single version) (04:36)
19. Dandelion (single version) (03:51)
20. Child of the Moon (03:15)
21. Jumpin’ Jack Flash (03:39)
22. Street Fighting Man (single version) (03:09)
23. Honky Tonk Women (03:03)
24. You Can’t Always Get What You Want (single version) (04:51)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.