«LIVE AT THE HOLLYWOOD BOWL - Beatles» la recensione di Rockol

Beatles - LIVE AT THE HOLLYWOOD BOWL - la recensione

Recensione del 12 set 2016

La recensione


Conoscete la storia dei concerti dei Beatles all'Hollywood Bowl di Los Angeles? Si tratta delle esibizioni tenute dal quartetto di Liverpool presso l'Hollywood Bowl, il noto anfiteatro situato nell'area di Hollywood, a Los Angeles, il 23 agosto del 1964 e il 29 e 30 agosto del 1965. Già nel 1977 raggiunse il mercato un album live - il primo ufficiale nella storia di Lennon, McCartney e soci - dedicato alle tre esibizioni all'Hollywood Bowl: il disco conteneva un totale di 13 tracce. I nastri delle tre performance vennero affidati alle sapienti mani dello storico produttore dei Beatles, George Martin (che in un primo momentò su titubante perché a suo avviso il materiale era molto caotico e passò tutto il materiale a Phil Spector, salvo poi riprenderselo qualche anno più tardi), e a quelle dell'ingegnere del suono Geoff Emerick. Ora, a distanza di praticamente quarant'anni, "The Beatles at the Hollywood Bowl" torna sul mercato in concomitanza con l'uscita nelle sale cinematografiche di "The Beatles: Eight days a week - The touring years", il film di Ron Howard che ripercorre la prima parte della carriera del gruppo dai tempi del Cavern Club di Liverpool fino all'ultimo concerto al Candlestick Park di San Francisco, passando anche per le esibizioni all'Hollywood Bowl (appunto).

Questa nuova versione di "The Beatles at the Hollywood Bowl", a differenza di quella del 1977, contiene anche quattro brani inediti e presenta una tracklist con un ordine diverso. Le canzoni sono state trasferite dalle bobine originali a tre piste e sono state remixate e rimasterizzate dal figlio di Martin, Giles, nelle sale degli Abbey Road Studios di Londra (quelle pareti, come noto, fanno parte della storia dei Beatles e dei loro album in studio). Le registrazioni inedite contenute nel disco sono "You can't do that" (23 agosto del 1964), "I want to hold your hand" (23 agosto 1964), "Everybody's trying to be my baby" (30 agosto 1965) e "Baby's in black" (30 agosto 1965).

"The Beatles at the Hollywood Bowl" fotografa una parte importante della carriera dei Beatles come quella delle esibizioni all'anfiteatro losangelino, immortalando John Lennon, Paul McCartney, Ringo Starr e George Harrison in un habitat nel quale i quattro si troveranno a loro agio fino all'agosto del 1966, praticamente fino a quando non consegneranno al mercato "Revolver", uno dei loro capolavori: da quel momento in poi, i quattro cominceranno le loro piccole grandi sperimentazioni in studio, facendo dello studio di registrazione un vero e proprio strumento musicale. A quel punto, i loro album diventeranno irriproducibili dal vivo e ciò determinerà il loro addio ai concerti. Se siete fan o appassionati della storia dei Beatles, non potete farvi mancare questo disco.

TRACKLIST

01. Twist And Shout - Live / Remastered (01:33)
02. She's A Woman - Live / Remastered (03:12)
03. Dizzy Miss Lizzy - Live / Remastered (03:39)
04. Ticket To Ride - Live / Remastered (02:26)
05. Can't Buy Me Love - Live / Remastered (02:14)
06. Things We Said Today - Live / Remastered (02:18)
07. Roll Over Beethoven - Live / Remastered (02:14)
08. Boys - Live / Remastered (02:08)
09. A Hard Day's Night - Live / Remastered (03:13)
10. Help! - Live / Remastered (02:52)
11. All My Loving - Live / Remastered (02:15)
12. She Loves You - Live / Remastered (03:11)
13. Long Tall Sally - Live / Remastered (02:04)
14. You Can't Do That - Live / Bonus Track (02:34)
15. I Want To Hold Your Hand - Live / Bonus Track (02:29)
16. Everybody’s Trying To Be My Baby - Live / Bonus Track (02:21)
17. Baby's In Black - Live / Bonus Track (02:44)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.