«NOVAMERICA - Novamerica» la recensione di Rockol

Novamerica - NOVAMERICA - la recensione

Recensione del 28 lug 2016 a cura di Marco Jeannin

La recensione

I primi spunti arrivano quasi immediatamente. Tolta la breve intro “Hear me”, con “Cure of time” l’impostazione della linea vocale e la timbrica di Carlo Cerclin Re chiamano in causa i Muse, mentre dal punto di vista del sound, il mix fa uscire bene gli strumenti, pianoforte, basso e batteria in modo particolare, come a ribadire che questo e` un disco suonato per davvero, pensato “alla vecchia maniera”. Perche´ lo dico? Perche´ Carlo Cerclin Re prima di esordire come Novamerica e` stato dj e produttore di musica elettronica; che, per come la vedo io, significa stesso sport ma tutt’altro campionato. Cerclin Re ha svoltato. Con il progetto Novamerica ha deciso di abbandonare la vecchia strada per la nuova e passare alla forma canzone (e di conseguenza al disco) per dare sfogo a una necessita` diversa, piu` intima e... concreta si puo` dire?

Ecco dunque che nelle dieci tracce del disco si respira aria pop, di quello pero` meno scontato. Tutto il disco si fonda su melodie pensate al pianoforte e poi sviluppate in studio con una band vera e propria, melodie che devono parecchio a gente come Phoenix e M83 (“Music is the answer”), i nostri M+A (I'll get up) così come gli MGMT, i gia` citati Muse e Beck (ascoltare “Something doesn’t work per credere). E va benissimo perche´ se andassimo sempre a pescare cosi` bene sarebbe una gran bella festa, specialmente quando si parte con ben chiari in testa obiettivi ed aspirazioni. Sto cercando di dire che quello che funziona del disco Novamerica, del progetto in generale, e` l’equilibrio tra immediatezza e introspezione, tra forma e sostanza. Novamerica e` il nome di una location fittizia, un posto che non esiste, “...quel luogo dove tutti vorremmo emigrare e vivere finalmente sereni”. Fare musica per evadere, per trovare sollievo, per capire se stessi, e` uno dei grandi moventi di questo mondo e Carlo Cerclin Re evidentemente sentiva il bisogno di voltare pagina, di crescere, di cambiare, e quando questa tensione incontra i mezzi (tecnici) adatti e viene incanalata nel modo giusto, non puo` che produrre qualcosa di sicuramente interessante. Sto parlando dal punto di vista concettuale: la musica fatta a caso, per quanto possa essere tecnicamente impeccabile, non funziona mai. Lo senti subito. La musica che ha una storia invece e` destinata a restare. La storia di Novamerica e` sinceramente una storia fatta di buone melodie e di ottimi arrangiamenti. Tutto il disco ha un bel tiro, e` prodotto molto bene e si respira una bella atmosfera che potenzialmente puo` funzionare in Italia quanto all’estero.

Penso che tutti questi siano buoni motivi per promuovere un album che, come spesso accade, ha catturato la mia attenzione quando ho visto la copertina. Cita, direi in modo piu` che palese, “Anima latina di Battisti, fonte d’ispirazione dichiarata esplicitamente dall’autore. Battisti poi nel disco effettivamente lo senti e no; nella conclusiva “Erica” qualcosa torna in mente, ma non e` questo il punto. Nella musica, come nella vita, si spera di non arrivare dove si e` partiti. A volte addirittura diventa necessario lasciare indietro alcune cose per andare avanti; e` una questione di metodo di lavoro, di gradi di separazione. Novamerica ne e` un ottimo esempio. E’ il frutto di un percorso che ha portato ad nuovo inizio per qualcuno che ne sentiva davvero il bisogno. Bello. 

TRACKLIST

01. Hear Me (00:54)
02. Cure of Time (03:44)
03. Music is the Answer (05:19)
04. I'll get Up (05:05)
05. My Love is Pure (05:03)
06. This is a Song for you (02:35)
07. If you Live in the Air (05:16)
08. There is no Time for Us (04:10)
09. Something doesn't Work (07:14)
10. Erica (02:04)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.