«THE CHRISTIC SHOWS, NOVEMBER 16 & 17, 1990 - Bruce Springsteen» la recensione di Rockol

Bruce Springsteen - THE CHRISTIC SHOWS, NOVEMBER 16 & 17, 1990 - la recensione

Recensione del 10 giu 2016 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Sono passati poco meno di due anni da quando Bruce Springsteen ha finalmente iniziato a realizzare uno dei sogni dei suoi fan: pubblicare concerti dal suo sterminato archivio di registrazioni. L’inizio, a fine 2014, fu timido: uno show del 2014 all’Apollo Theater. Poi si passò a concerti leggendari, o molto noti. Ma nessuno è leggendario come questo, bootleg, che documenta due serate in acustico allo Shrine Auditorium di Los Angeles, nel 1990.

Siamo alla decima uscita dei "Bootleg ufficiali". Finora la regola era quasi sempre “Un concerto per tour” - mancavano solo il periodo pre-“Born to run”, il tour acustico di “The ghost of Tom Joad” e le Seeger Sessions (già documentate dal vivo, per altro, con un live ufficiale).

Ma questi concerti hanno un’altra storia, ed un’altra importanza. Nel 1990 Springsteen era lontano dalle scene, aveva appena sciolto la E Street Band, si era trasferito a Los Angeles, era diventato padre per la prima volta. Accettò l’offerta degli amici Jackson Browne e Bonnie Raitt a partecipare a due serate di beneficenza, suonando in acustico. Era solo la seconda volta, dopo un’apparizione al Bridge Benefit dell’86.

Erano i tempi pre-internet e pre social media, ma il passaparola di quelle due serate iniziò a girare immediatamente tra i fan, sulle fanzine. I bootleg illegali iniziarono a girare subito dopo - io ne comprai uno appena arrivato a Milano per studiare, in un negozio nella metropolitana di Cordusio - che oggi ovviamente non c’è più.
Sentire uno Springsteen che esordiva “Se avete voglia di applaudire o tenere il tempo con le mani, non fatelo” e che cantava canzoni storiche in una nuova forma, minimale, e ne presentava di nuove…. Beh, fu uno shock.

Risentire oggi questi concerti, in una versione pulita e dall’audio perfetto, è una vera goduria. Perché questi show sono tra i migliori di sempre di uno dei più grandi performer di sempre. I tour acustici che sono seguiti non sono neanche lontanamente paragonabili alla tensione, all’emozione all’intensità che traspare da queste versioni di “Darkness on the edge of town”, o dalle versioni al piano di “Tougher Than the Rest”, “Tenth avenue freeze out” o “Thunder road”.
Qua, poi, c’è una delle cose più belle finora inedite di Bruce: “Real world”, in versione solo piano. Una canzone di una bellezza struggente, poi massacrata da un pessimo arrangiamento “plasticoso” in “Human touch”, dove finì anche “Soul driver” e “57 channels (and nothin’ on), tutte con lo stesso trattamento. Le altre canzoni inedite suonate quelle sere vennero poi incise, ma non pubblicate: "Red Headed Woman” venne pubblicata in una versione dal vivo in “Plugged” (la sua versione dell’Unplugged di MTV), altre videro la luce in “Tracks” - “When the Lights Go Out” e “The wish”.
Il resto è storia: ci volle un decennio per il ritorno definitivo con la E Street Band, dopo un doppio album discutibile (“Human touch”/“Lucky town”), un tour con l’ “altra band” ancora più discutibile, greatest hits, album e tuo acustici (“The ghost of tom Joad”).

Ma quello che conta sono queste canzoni, in queste versioni. Insomma: questo bootleg ufficiale è da comprare a scatola chiusa. Uno Springsteen come non si era mai sentito, e come non si è più sentito.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.