«WONDERFUL CRAZY NIGHT - Elton John» la recensione di Rockol

Elton John - WONDERFUL CRAZY NIGHT - la recensione

Recensione del 09 feb 2016

La recensione

Nell’immaginario, Elton John rimane per molti il cantante pop, il divo bizzoso. E la copertina di “Wonderful crazy night” non fa nulla per smentire quest’immagine: visibilmente dimagrito, sorriso contagioso, occhialoni bizzarri, sfondo colorato. Ma è un’illusione ottica.

E’ curioso che Sir Elton venga a presentare questo disco al Festival di Sanremo - dove si verificò, 21 anni fa, una delle sue più leggendarie scenate: narra la leggenda che Elton rimase imbottigliato nel traffico tra l’aeroporto di Nizza e la città ligure, e decise di tornare indietro, per la disperazione dei discografici che lo stavano accompagnando. Baudo poi raccontò di averlo cacciato lui (non era vero, ma Baudo era Baudo). La sala stampa venne informata all’ultimo; alcuni quotidiani, che avevano già chiuso le pagine, uscirono raccontando un'ospitata che non c’era stata.

Elton John non è più quella star viziata da molto tempo, ormai. O, meglio, non lo è del tutto. Certo, rimane un personaggio pubblico molto in vista, oltre la musica: è un paladino contro l’omofobia (impegno che lo ha portato a recenti e violenti scontri anche con politici italiani), e i giornali di gossip indagano volentieri su di lui.
Ma sulla musica si è rimesso in carreggiata da molto tempo. “Wonderful crazy night” è la chiusura di una seconda trilogia. La prima, quella della rinascita, era cominciata con “Songs from the west coast” (2001), e il riavvicinamento ai suoni e allo spirito di capolavori come “Tumbleweed connection”. La seconda è cominciata con “The union”, il disco a 4 mani con Leon Russell del 2010, e proseguita con “The diving board”. Questa seconda trilogia ha un deus ex-machina, uno dei più grandi produttori americani, T Bone Burnett, alla consolle anche in questo album.
“Wonderful crazy night” è però, per certi versi, il disco più debole di questa trilogia. Elton John ha detto di aver voluto incidere un disco rock ’n’ roll, ed è vero: è un disco decisamente più allegro dei due precedenti, più intimisti, ma anche più intensi.
Qua ci sono tante chitarre, quelle del collega storico Davey Johnston: sono spesso in primo piano, con avere una predilezione per la 12 corde, che compare in diversi canzoni come “Blue wonderful”, “Guilty pleasure”, “Claw hammer" e fa molto anni ’60. La mano di T Bone Burnett si sente soprattutto nell’impasto dei suoni, e in qualche raffinatezza, come il finale piano e fiati di “Claw hammer”, o l’organo che apre “Looking up” prima del piano quasi honky-tonk. Tutti piccoli tocchi che evitano a Elton John di sbracare, o di fare canzoni troppo caciarone. Anche se il modello di riferimento di “Wonderful crazy night”, in sostanza, rimane più “Crocodile rock” che “Madman across the water”.
Il risultato è un buon disco pop rock, dai suoni pulitissimi, accessibile e godibile anche chi ha seguito solo in parte le vicende musicali di Elton negli ultimi anni e vuole un disco diretto e divertente.


“Wonderful Crazy Night”
“In the Name of You”
“Claw Hammer”
“Blue Wonderful”
“I’ve Got 2 Wings”
“A Good Heart”
“Looking Up”
“Guilty Pleasure”
“Tambourine”
“The Open Chord”
“Free and Easy” (solo nella versione deluxe)
“England and America” (solo nella versione deluxe)

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.