«EMPIRE: ORIGINAL SOUNDTRACK SEASON 2 VOLUME 1 - Artisti Vari» la recensione di Rockol

Artisti Vari - EMPIRE: ORIGINAL SOUNDTRACK SEASON 2 VOLUME 1 - la recensione

Recensione del 17 dic 2015 a cura di Michele Boroni

La recensione

Il rapporto tra serie tv e musica è da sempre piuttosto saldo. A differenza del cinema, dove è lo score (la colonna sonora) l'elemento predominante, nelle tv series il formato che spicca è quello della canzone. Ci sono molti drama e sit-com, generalmente a tema musicale, dove le canzoni entrano a far parte del tessuto narrativo; tra questi ovviamente ci sono i giovanili High School Musical, Glee e, recentemente, i più adulti Nashville e Empire.

Quest'ultima serie Fox ambientata nel mondo contemporaneo dell'hip-hop da classifica (Empire è il nome della potente casa discografica di Lucious Lyon all'interno della quale si svolgono le storie della serie), è stato la rivelazione dello scorso anno. Ottimi dati d'ascolto e canzoni che venivano rilasciate sul mercato digitale alla fine di ogni puntata: quando uscì la raccolta di tutti i singoli, il disco balzò nella prima settimana in vetta alla classifica generale di Billboard e con 130mila unità vendute superò “Rebel Heart” di Madonna.
Anche quest'anno ci hanno riprovato con una seconda stagione televisiva e con la raccolta delle canzoni della serie (ancora in corso, in onda anche qui su Fox Italia), ma il successo non è stato lo stesso dell'anno precedente, un po' perché il disco è uscito lo stesso giorno del 25 “adeliano”, un po' questa volta la formula catchy delle canzoni non funziona così bene senza l'ausilio delle immagini e della messa in scena della serie.
La squadra è sempre lo stessa: Timbaland alla cabina di produzione (e talvolta al mic) e una serie di attori-rapper tra cui Terence Howard (Lucious Lyon) e Jussie Smollett (Jamal, una sorta di Frank Ocean, che propone un nu soul malinconico mescolato all'hip-hop molto efficace) che eseguono i pezzi più interessanti della raccolta.
Il resto è un misto di copie di pezzi à la Drake (“Bout 2 blow”), r'n'b vecchio stile (“Hourglass”) e pezzacci tamarri con Pitbull special guest (“No doubt about it”). Anche alcuni pezzi centrali nella serie (come “Boom boom boom boom” e “Snitch Bitch”) senza l'ausilio delle immagini o il contesto narrativo perdono di forza e diventano piuttosto anonimi.
Curiosità: nella De Luxe version è presente un pezzo con special guest Alicia Keys e un altro (”Ready to go”) che è la colonna sonora dello spot Pepsi all'interno della serie il cui testimonial è Hakeem, ma che poi è stata riproposta nei veri break pubblicitari dall'attore-cantante Jussie Smollett, creando un vero e proprio corto circuito tra fiction e reale.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.