«50. MUSICA SENZA PADRONE -1965/2015 - Tullio De Piscopo» la recensione di Rockol

Tullio De Piscopo - 50. MUSICA SENZA PADRONE -1965/2015 - la recensione

Recensione del 04 dic 2015 a cura di Emiliano Raffo

La recensione

Parte “Drum dream”, il primo di 56 pezzi spalmati su tre CD, e vien da chiedersi: ma possibile che si sia dovuto attendere fino al 2015 per avere fra le mani un oggetto antologico che rappresentasse più che degnamente Tullio De Piscopo? Misteri della discografia e delle sue strategie, ma tant'è. La Warner ha finalmente colmato un vuoto che nessuna collezione mal incisa o frettolosamente compilata, destinata senza alternativa ai cestoni degli autogrill, ha mai potuto vagamente colmare.

E' stato un anno bizzarro, quello che si sta per concludere, per Tullio De Piscopo. Prima l'intraprendente (e indipendente) Archeo Recordings ristampa in vinile quell'assoluto gioiello che è “Suonando la batteria moderna” (1974!), poi la Warner rilegge le avventure musicali di uno dei più grandi batteristi viventi attraverso i suoi tanti (e spesso curiosi) exploit. Tre CD da cui emergono varie verità, ma due sopra tutte: se la vena pop di De Piscopo ha conosciuto gli alti e bassi di un artista talvolta “prestato” alla forma canzone di immediata fruizione (“Andamento lento”, qui presente anche in versione “remix 2015”, resta un jolly indimenticabile, non la regola), lo strumentista De Piscopo ha invece sempre avuto un fiuto straordinario, da autentico connoisseur, per la giusta collaborazione.

Il suo drumming, ora poderoso, ora sinuoso, sempre assolutamente di classe, ha caratterizzato brani di Mina, Battiato, De Andrè. Pezzi come “Il nostro caro angelo”, “L'era del cinghiale bianco” e “Volta la carta”, tuttavia, non sono certo di diffcile reperibilità, per cui il vero valore aggiunto di questo box risiede in brani come “Gabbie” (1979), “Black star” (1978) o “Rio one” (1975), preziose chicche disco-etno-funk che mai avrebbero meritato l'oblio.
De Piscopo il virtuoso che non si tira mai indietro davanti alla possibilità di una bella jam, De Piscopo l'allegrone che partecipa a Sanremo, De Piscopo che per 15 anni presta la sua “Tutto lo stadio” alla storica trasmissione “Domenica Sprint”. Qui c'è tutto e ancor di più. Il “di più”, nello specifico, è forse il terzo cd, composto da soli brani strumentali e autentica parata di sapori, arrangementi, ritmi. E' qui che il buon Tullio si fa più serio, quasi intimidatorio nel suo sguazzare fra i generi con immacolata perizia tecnica e senza imbarazzi.
Tante le versioni live dei brani in scaletta. I dj Balearici di ultima generazione forse avrebbero gradito la versione integrale, in studio, della classicissima “Stop bajon”, ma la versione dal vivo qui inclusa scontenterà pochi.
Discreti i tre inediti (“Destino e speranza”, con il fantastico James Senese, brano dedicato a Pino Daniele, che canta anche in “Toledo”, tratta da “Bella 'mbriana”; “Canto d’Oriente”, con Rocco Hunt; e “Funky virus”, insieme a Randy Brecker e Ada Rovatti), più che stimolanti i brani composti nel secolo corrente (“Sarà sarà chissà”, fra i tanti).

50 anni di “musica senza padrone” recita, sfacciatamente ma senza mentire, il titolo di questo box. Una carriera straordinariamente nomade e vagabonda, contrappuntata da acuti potenti e silenziose pause. Un box che, forse tardivamente, centra appieno l'obiettivo che ogni operazione simile dovrebbe prefiggersi: rappresentare al meglio l'arte di un musicista difficile da “compilare”, “sintetizzare”, “raccogliere”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.