«HANDWRITTEN - Shawn Mendes» la recensione di Rockol

Shawn Mendes - HANDWRITTEN - la recensione

Recensione del 27 apr 2015 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

La storia dell’artista “nato dal web” è una di quelle che ci piace sentire. Incarna quell’idea di “purezza” legata alla musica, della nascita dal basso, del talento che viene scoperto per caso - in netta opposizione all’idea dell’artista costruito “a tavolino” (o "lanciato dai talent": etichetta che artisti di successo faticano a scrollarsi di dosso anche per anni).
Negli anni questa storia l’abbiamo sentita in diverse incarnazioni, legate a diversi formati e piattaforme, dagli MP3 a MySpace fino YouTube. L’artista viene scoperto non più nei locali, come una volta, ma grazie alla musica postata da solo in rete. Una storia che ogni tanto è vera, spesso è usata ad arte da industria e media per “lanciare” un artista.

Ora è la volta di Vine: Shawn Mendes, 16 anni, arriva dal Canada e da Vine: per chi non la conoscesse, è una piattaforma di Twitter, in cui si postano brevissimi video (6 secondi), che vanno in loop; è stata la prima di successo a sperimentare un formato di condivisione di clip (Instagram ha aggiunto i video, da 15”, ma solo in seguito). E, come spesso capita, le limitazioni del mezzo diventano strumenti di espressione: fare un Vine significa pensare un frammento che crei una narrazione attraverso la ripetizione, in un ciclo infinito di loop. Si è sviluppata una scena musicale interessante, e Mendes è arrivato ad avere milioni di follower. I suoi video in realtà sono molto semplici, frammenti di cover acustiche postate senza troppa pre-produzione video (come capita per altri musicisti, che costruiscono ad arte i loro microbrani).

A differenza di YouTube, quello di Vine è un formato difficilissimo da trasformare in musica compiuta: Passare da 6 secondi a canzoni intere è un bel salto. Ma Mendes ha evidentemente talento che va oltre il micro formato: “Handwritten”, il suo disco di debutto, è volato al primo posto delle classifiche statunitensi.




C’è tutto quello che serve a far funzionare il progetto: una faccia pulita, una bella voce, una scrittura dritta e pop. Mettendo su il disco - curioso che il titolo rimandi a quanto di più antitecnologico c’è, lo scrivere a mano - si potrebbe tranquillamente scambiare Mendes per un Ed Sheeran più giovane. Voce piena e calda, tendenza a ritmare le strofe in modo quasi sincopato o vicino al rap, con aperture melodiche, testi intimistici e diretti come si confà ad un ragazzo di quell’età: “Strings” è uno degli esempi più facili da citare, in questo senso, ma il disco è quasi interamente basato su questo canovaccio. “Life of the party”, primo singolo, è una canzone un po’ diversa, basata su piano e su un incedere marziale, ma è quasi un’eccezione, come il pop prodotto di “Something big”. Nei momenti migliori, Mendes prova a ricordare John Mayer, con qualche accenno di blues (l’intro di “I don’t even know your man”), ma in generale suona un po’ troppo pulito, per uno che è “nato dal web”, facendo cover con la chitarra acustica.
Ah, qua trovate una compilation dei migliori vine di Shawn Mendes. Ora lo usa soprattutto come piattaforma di marketing per il nuovo disco, con teaser e spot. Sic transit gloria digitalis.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.