«ONE SHOT '80 VOLUME 6 - Artisti Vari» la recensione di Rockol

Artisti Vari - ONE SHOT '80 VOLUME 6 - la recensione

Recensione del 28 set 1999

La recensione

Ma chi l’ha detto che gli anni ’80 erano tutta mondezza? Be’, a dire il vero l’hanno detto quasi tutti, ai tempi, e sono in molti a pensarlo ancora. Però gli anni passano, i figli crescono e i padri invecchiano e allora anche canzoncine innocue come “Maria Magdalena” affiorano alla mente regalando un momento di sacrosanta nostalgia. When we were fab – quando eravamo favolosi – ripensano i pluritrentenni novelli Beatles, rispolverando i ricordi di una generazione vanzinata con maglione annodato sulle spalle, serata al mare, lui/lei con il vento nei capelli e il bacio a occhi chiusi mentre parte “Juliet” di Robin Gibb…
La saga di “One shot ‘80” batte Rocky, Rambo e Star Trek, e arriva al sesto volume in splendida forma, visto che può ancora schierare degli ‘immancabili’ come gli Human League di “Don’t you want me” e il Black di “Wonderful life”: la formula ‘do it yourself’ per cui è il potenziale pubblico a mandare la lista delle proprie richieste sulla base delle quali verrà assemblato il nuovo volume della compilation si è rivelata un successone, fornendo il gancio ad una generazione cresciuta a panini e DJ Television di richiedere tutti i propri idoli del tempo, da Samanthona Fox a Sandra, dai Living in a box a Rechenel, da Bruce & Bongo a Rick Astley… erano bei tempi, Cecchetto furoreggiava con la sua ‘DJ culture’ – per molti versi rivoluzionaria - in cui aveva sapientemente ricondotto i pischelli di tutta Italia, ammaliati dall’astro nascente Jovanotti, Albertino, Linus e Kay Sandwick (o Rush che dir si voglia)…i sei volumi per ora usciti di “One shot ‘80” sono il diario musicale di quegli anni, che comunque si sublimano – da qui il titolo della compila – nel colpaccio da classifica, nella rinnovata estetica della canzone per la canzone. Non c’è stato mai un decennio in cui si è pensato al singolo per il singolo come durante gli anni ’80, e quindi alla fine è difficile non trovare qualcosa che piace: era musica fatta per l’istante, ma capace di colpire a fondo e di prendersi la propria rivincita tornando in classifica 10 anni dopo sull’onda dei ricordi. Formidabili quegli anni…
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.