«FELLOW TRAVELERS - Shearwater» la recensione di Rockol

Shearwater - FELLOW TRAVELERS - la recensione

Recensione del 30 dic 2013 a cura di Marco Jeannin

La recensione

Il nuovo album degli Shearwater non è in realtà il nuovo album degli Shearwater. O meglio, lo è ma non in maniera tradizionale. Il perché è presto detto: dei dieci pezzi in scaletta che vanno a comporre “Fellow travelers”, solamente uno è un inedito firmato Shearwater, “A wake for the minotaur”. Gli altri nove sono cover di band con cui i nostri hanno condiviso il palco nel corso degli anni. Insomma, niente di trascendentale. La storia però, attenzione, non finisce qui. Gli Shearwater sono in ballo ormai da una quindicina d’anni. Hanno pubblicato parecchi album, otto per la precisione, e a questo punto, legittimamente, l’idea di un greatest hits deve essere circolata negli uffici della Sub Pop. Il greatest hits… Di solito queste raccolte nascono per meri fini commerciali. Hai dalla tua un catalogo bello sostanzioso e non vuoi sfruttarlo? Guarda che fai soldi eh… Hai un contratto in ballo che sta per chiudersi e non vuoi pubblicare un disco d’inediti? Piazza un bel greatest hits e siamo tutti (più o meno) contenti. Zero spesa, massima resa. Già visto, già sentito…

Contenuto non disponibile


“Fellow travelers” è dunque una raccolta, certo, ma non è un greatest hits. Non è nemmeno una collezione di b-side, rarities o vecchi demo. E’ un album vero e proprio, nato con l’intenzione di rendere omaggio a tutte quelle band con cui gli Shearwater hanno condiviso il palco nel corso degli anni. Un tributo e contemporaneamente un modo per fare il punto della situazione dopo tanti dischi pubblicati e migliaia di chilometri macinati. Si dice che è sul palco che una band dimostra la sua essenza: la band, libera, si mette a nudo per quello che è. Di fronte ad un pubblico e, a volte, in compagnia di altre band. Qui si condivide un’esperienza, si condivide musica e inevitabilmente ci si lega. Reduci dalla pubblicazione di “Animal joy”, gli Shearwater tornano a distanza di un anno con l’intenzione di riprendere il loro personale discorso musicale, affidandosi però alle parole di qualcun altro. Di chi? “Our only sun”, l’intro, è un estratto di “Deeper devastation” di Jesca Hoop. L’ottima “I Luv The Valley OH!” è un pezzo degli Xiu Xiu. Per la bella rilettura di “Hurts Like Heaven” andiamo, ovviamente, in casa Coldplay. “Natural One” è dei Folk Implosion, mentre “Ambiguity” di David Thomas Broughton. La nostra amata Annie Clarke sarà più che contenta della nuova versione della sua “Cheerleader”, così come i Cinic di “Tomorrow”, i Wye Oak di “Mary is Mary” e i The Baptist Generals di “Fucked up life”. Tutta gente coinvolta direttamente nella stesura delle nuove versioni dei pezzi. Non dei propri però, e qui viene il bello, ma di quelli degli altri; la trama s’infittisce e a noi non resta che cercare di dipanarla definitivamente.

Il bandolo della matassa, in realtà, è molto semplice da trovare: “Fellow travelers” è il nuovo album degli Shearwater. Puro Meiburg (nella fattispecie un incrocio tra Lone Wolf, gli Editors e Nick Cave). Se non lo sai che sono cover, mica te ne accorgi. Evocativo, delicato, intimo, spensierato. Un bel modo di dire grazie.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.