«THERE'S A POISON GOING ON... - Public Enemy» la recensione di Rockol

Public Enemy - THERE'S A POISON GOING ON... - la recensione

Recensione del 19 lug 1999

La recensione

«Now what sound of my dj cuts/Terminator¹s back on some ol¹ fools track/Takes a nation of sellouts to keep us back/Flippin disco raps used to be whack/Now what you hear is what you lack/Take a lil bit of this a lil bit of dat/Who dropped the bomb on hip hop/Who got Biggie and who shot Tupac…» “There’s a poison goin’ on” inizia così e in una parola sta a voler dire che i Public Enemy sono tornati. “Una Lamborghini impantanata nel fango”, così li descriveva ancora qualche mese fa il loro leader Chuck D, quando pensava al suo album solista e intanto realizzava con il gruppo la colonna sonora di “He got game” per Spike Lee. Del “profeta di rabbia” arrivava nei negozi anche un libro-manifesto, “Fight the power – rap, race and reality”, che dimostra ancora una volta come il leader dei Nemici Pubblici sia una delle teste più lucide della scena hip hop. Negletti in patria, ridicolizzati da una certa parte dell’hip hop, che li considera dei sopravvissuti e oscilla su posizioni morbide e concessive al mercato, i PE sono osannati e omaggiati da tanti altri, e se sembrano fuori dal tempo, è proprio perché loro per primi hanno deciso di collocarvicisi: non vogliono più major (e comunque le major non vogliono più loro) ma libertà e autonomia, e all’alba del millennio hanno trovato il modo per realizzare il loro sogno. Si chiama internet, e con questo grande e buon fratello Chuck D & company portano il loro attacco al cuore del sistema. Dopo aver permesso free downloading dal loro sito, fomentato ascolti e vendite tramite website, con in testa un sistema di vendita quasi “door to door”, i PE vendono ora il loro cd in maniera quasi artigianale, appoggiandosi a etichette e distribuzioni indipendenti. «Le major sono un dinosauro la cui testa non sa cosa sta facendo il gomito», sentenzia Chuck D e profetizza la libertà di mercato e di contenuto artistico con i singoli artisti in onda sul web. Ma di cosa parla “There’s a poison goin’ on…”?: di tutto questo, e di altro, comprese le finte illusioni legate all’exploit della tecnologia. Libero sarà che penserà in modo libero, non chi avrà semplicemente accesso al computer, visto che la società ha già trovato il modo di creare nuove figure di “raccoglitori di cotone elettronici”, i nuovi schiavi multimediali. Il millennio visto come muro da superare, dietro il quale albergano le solite, irrisolte contraddizioni di una società che corre senza una direzione, attenta solo al danaro, i ripetuti inviti alla comunità di colore a ritrovare la propria identità culturale e la propria lucidità intellettuale, senza prestarsi al gioco del potere che da sempre è gestito comunque dal bianco anche quando dentro la giacca e la cravatta c’è un nero…una rivoluzione che Chuck D ribattezza “revolverlution”, parola dai toni niente affatto rassicuranti: i PE si ripresentano come i custodi della coscienza civile hip hop alle porte del nuovo millennio. Il tutto sostenuto dall’impasto sonoro a metà strada tra musica e rumore che dei PE è sempre stato il marchio di fabbrica: non c’è più il formidabile team produttivo del Bomb Squad accanto ai Nemici, ma il suono del gruppo, seppur con qualche concessione di troppo all’old school, è ancora presente; forse non più potente e trascinante come allora, con qualche buco di troppo tra le proprie fila nei momenti di corpo a corpo ma in compenso sinuoso e irresistibile nei mezzitempo (“LSD”, “Crash”, “World tour sessions”) e nel brano iniziale “Do you wanna go our way???”. Se l’importanza del messaggio, nei Public Enemy, è sempre stata accompagnata da una musica dall’impatto micidiale, è da tempo che le loro parole pesano molto più del suono e che quindi un album come questo chiede di essere valutato in maniera diversa, più come uno scritto che come un prodotto musicale. Questa è la sua nobile peculiarità, questo in alcuni momenti il suo limite. Manca la furia degli esordi, la felice maturità del periodo di mezzo, ma non c’è neanche la voglia di inseguire stili, idoli e mode. I PE sono un classico, ormai, fuori dal tempo, e il loro messaggio – a sentire loro manipolato e anestetizzato dai media di sistema- continua comunque a emanare il fascino prezioso delle voci di protesta che si levano fuori dal coro. Per sempre contro, per sempre Nemici Pubblici.

Tracklist
“Dark side of the wall: 2000”
“Do you wanna go our way???”
“LSD”
“Here I go”
“41:19”
“Crash”
“Crayola”
“First the sheep next the sheperd?”
“World tour sessions”
“Last mass of the caballeros”
“I”
“What what”
“Kevorkian”
“Swindlers lust”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.