«GIRL WHO GOT AWAY - Dido» la recensione di Rockol

Dido - GIRL WHO GOT AWAY - la recensione

Recensione del 06 mar 2013 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Dido è quello che si definisce un “guilty pleasure”. La ascolti, ma non lo dici troppo in giro, perché non è cool.
L’hanno ascoltata in milioni di persone (i primi due album, “No angel” e “Life for rent” hanno venduto più d 15 milioni copie). E l’hanno denigrata in quasi altrettanti: troppo pop, troppo leggera, troppo inconsistente, si diceva. Però poi i dischi vendevano, le radio la passavano, gli spot usavano le sue canzoni, nomi grossi si affollavano alla sua porta a collaborare (in fin dei conti l'ha praticamente scoperta Eminem, che la campionò per "Stan").
“Girl who got away” arriva 5 anni da “Safe trip home”, che in termini commerciali fu un flop (anche se ottenne critiche generalmente un po’ più positive). Ma la solfa non cambia: continueremo ad ascoltare Dido senza sbandierarlo troppo in giro.
Perché ancora una volta la cantante inglese ha fatto un bel disco, rassicurante, prodotto e scritto bene. Ma che offrirà sempre il fianco a chi la vorrà sbeffeggiare, soprattutto oggi che non ha più dalla sua neanche la forza delle classifiche e delle vendite (sono cambiati i tempi...) e che la musica pop è dominata da cantanti più giovani, più aggressive.
Ecco, no: Dido oggi è una donna di 40 anni che canta le gioie della maternità (tutte le cantanti ci cascano prima o poi) e che non riesce ad essere cattiva neanche quando parla della rabbia verso un ex, come in “Blackbird”: la sua voce rimane soave e calda pure in queste circostanze.
“Girl who got away” è un disco che riporta Dido verso le sue origini elettroniche - suo fratello Rollo, non va dimenticato, era parte dei Faithless e Dido esordì lì come vocalist. Rollo produce praticamente tutti i brani dell’album, che scorre via piacevolmente e senza cadute di tono. “No freedom”, il singolo, è la classica canzone alla Dido, alla “White flag”, per intenderci: un beat delicato, una bella melodia. Fosse stata pubblicata anni fa sarebbe stata un singolone radiofonico, oggi chissà - se volete una versione un po' più movimentata, cercate il remix di Benny Benassi incluso nella deluxe edition.



La zampata del disco è “Let us move on”, soprattutto grazie alla presenza dell’astro nascente dell’hip-hopKendrick Lamar : in generale, Dido funziona meglio con queste sonorità elettroniche che con quelle più tradizionali, come ci capitò di dire già ai tempi di “Safe trip home” e questa è la buona notiza del disco.
Per il resto, “Girl who got away” non cambierà la vostra opinione. La mia è che Dido va presa per quello che è: una cantante pop, che piace proprio per i suoi limiti. Non è innovativa, non ha particolari picchi ma è estremamente piacevole e sa confezionare benissimo le sue canzoni. “Girlo who got away” ne è l’ennesima dimostrazione.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.