«ECCO - Niccolò Fabi» la recensione di Rockol

Niccolò Fabi - ECCO - la recensione

Recensione del 05 ott 2012 a cura di Paola De Simone

La recensione

Ho iniziato questa recensione quattro volte e per quattro volte ho sentito di non essere sulla strada giusta. Credo che la risposta sia nella dirompente spontaneità che ho trovato in questo disco, il settimo di Niccolò Fabi, difficile da raccontare perché rispondente a una tale ispirazione e urgenza creativa che ogni giudizio ne mangerà la polvere. Ma tant’è. Chi legge si aspetta che gli venga esposto criticamente questo lavoro e allora sappiate che le undici tracce che troverete in “Ecco” contengono - con ottimi risultati - tutta la presenza e la partecipazione sottintese nel titolo. Chi dice “ecco” mostra o porge qualcosa, spesso ha ragione e qualche volta si arrende. Una piccola parola adatta a tante circostanze, così come tante sono le sfumature emotive e sonore che abitano queste canzoni inedite, tutte scritte e prodotte dallo stesso Fabi (con la sola eccezione del singolo di lancio “Una buona idea”, al cui testo ha partecipato anche Stefano Diana). Dicevamo tante sfumature, quindi riflessioni a cascata, sfoghi (“voglio essere indipendente perché solo da indipendente si esiste, si resiste”), narrazioni (“la notte qui è notte davvero, è la madre del buio”), ricordi (“sono stato un bambino bello, o meglio fotogenico”) e sguardi rivolti a una società che manca di collettivismo (“si chiama egomania la nuova malattia di questa società”); cosa che non si può certo dire di questo disco, al quale ha preso parte uno stuolo di amici musicisti di Niccolò: da Roberto Angelini a Pier Cortese, da Andrea Di Cesare a Gabriele Lazzarotti fino a Daniele “Mr Coffee” Rossi, passando per Riccardo Parravicini e Fabio Rondanini. Tre settimane di vita comune negli studi pugliesi di Roy Pacy e il risultato sa di grande impegno, perché l’atmosfera di gruppo si sente; li immaginiamo tutti intorno a Fabi, tutti presenti e partecipi per lui, ognuno con il suo “ecco”. Peccato solo si fatichi a sentirne il senso di festa, a dispetto di una seriosità tipica dei professionisti più attenti.



La modalità di scrittura resta alta, come nella tradizione del cantautore romano, uomo che con le parole ha una certa confidenza e le sa maneggiare con esperienza. Musicalmente aspettatevi del sano pop-soft-rock, dal retrogusto folk, e poi tante ballate e altrettante incursioni: dai fiati di Roy Paci (“Indipendente”) alla banda di Aradeo (“Io), fino all’orchestra di archi dell’APM arrangiata da Stefano Cabrera e chiamata a fare la differenza in “Elementare” e ne “I cerchi di gesso”. C’è ritmo in questo disco e c’è pacatezza, ma soprattutto c’è la naturalezza della scrittura – che si avverte sensibilmente – e di conseguenza la bellezza della spontaneità. Due in assoluto i momenti più alti: su tutti la title track, che chiude il disco con una forza interpretativa che non sarà facile replicare, la ruvidità della voce di Niccolò che grida “di certo non ti lascerò mai andare, di certo non ti lascerò sparire, ecco” - legata al suo vissuto personale - ci stordisce e azzittisce. Il secondo momento più godibile è “I cerchi di gesso”, un pop cadenzato, effettato e ricco di archi, complessità che si contrappone alla semplicità del testo che condivide uno spaccato dell’infanzia di Fabi. Non è da meno “Una buona idea”, che già in radio ha saputo anticipare l’alto spessore autorale dell’intero album. Ecco, quello che andava detto è stato scritto, il resto va lasciato alla sensibilità di ciascuno.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.