«LA TEORIA DEI COLORI - Cesare Cremonini» la recensione di Rockol

Cesare Cremonini - LA TEORIA DEI COLORI - la recensione

Recensione del 21 mag 2012

La recensione

Rosso intenso, colore dell’amore. Nero opaco, come il dolore sa essere. Bianco neve. L’azzurro di un cielo estivo e un po’ di giallo luce. Potremmo andare avanti ancora molto per raccontare attraverso gradazioni e sfumature il nuovo e quarto disco di Cesare Cremonini, intitolato “La teoria dei colori” (il primo per Universal Music). Ma vi indurremmo in confusione, perché non è ai sentimenti che questa teoria si ispira, bensì alla capacità del cantautore bolognese e del suo storico produttore Walter Mameli - al suo fianco da 15 anni - di realizzare album variopinti, dagli arrangiamenti complessi, caratterizzati da una ricca mescolanza di generi, suoni e parole.
Così, non riuscendo a contenere questa voglia di variare, si è fatto di necessità virtù e un talento è diventato una teoria. Per fortuna, perché demarcare la musica proposta da Cremonini - e così arginarla entro un limite e un ‘colore’ - non era e non è una buona idea, perché la sua forza è proprio in quella estensione che supera i confini catalogabili. La sua unica demarcazione restano le parole, che le offrono paradossalmente altro spazio.
Abbiamo forse usato troppa poesia per dire che con questo nuovo disco Cremonini e squadra hanno finalmente fatto pace con l’esigenza - del tutto personale - di contenere il proprio estro, conquistando una serenità artistica che si è evidentemente tramutata in chiaro equilibrio. Che le cose siano andate così ce lo raccontano le stesse canzoni: undici tracce inedite che guardano all’Inghilterra (quella dei Beatles, non dei Coldplay per intenderci) quanto all’Italia dei cantautori, nell’accezione più moderna del termine, senza scimmiottare nessuno e miscelando il tutto in una formula sempre originale e – ormai - riconoscibile.
Lo stile Cremonini è un fatto e, dopo solo quattro dischi, l’ex Lùnapop ha raggiunto un punto davvero elevato di composizione, di scrittura e di canto. Evoluzione di cui avemmo già sentore un paio d’anni fa con il singolo “Mondo” (estratto da “1999-2010 The greatest hits”), che stupì per la sua ricchezza compositiva. Questo disco colpisce anche per la concretezza del sogno evocato nelle canzoni, apparentemente un ossimoro, è vero, ma questo è quello che succede quando, dopo anni di ricerca, trovi un codice per cantare la poesia sparsa nella vita. Perché è di vita che è piena “La teoria dei colori”: c’è il comico che in una sorta di dolorosa accettazione canta “il mondo ride, se mi piange il cuore” (“Il comico - sai che risate”), ma c’è anche l’innamorato che si abbandona a un sentimento adolescenziale per la sua “rondine d’aprile” che le “piace da morire” (“Una come te”), ci sono poi il business man e la ballerina di jazz legati da “una scommessa d’amore” (“La nuova stella di Broadway”) e un capitano e un tenente che affrontano le intemperie aspettando “che torni a battere sulla pelle il sole” (“Il sole”). Cui si aggiungono poi le ispirazioni cinematografiche, che ritroviamo nella ‘soffice’ “Tante belle cose” e nella crepuscolare “Amor mio”, scritte rispettivamente per l’omonimo spettacolo teatrale di Alessandro D’Alatri e per il film “I padroni di casa” di Edoardo Gabbriellini.
Dimostrazione che Cremonini è professionalmente pronto a portare la sua musica in altri campi artistici, forte della propria singolarità. Perché uno come lui “non vuol essere alla moda, la moda la fa”.

(Paola De Simone)



TRACKLIST:

“Il comico (sai che risate)”
“Una come te”
“Stupido a chi?”
“L’uomo che viaggia fra le stelle”
“Non ti amo più”
“Amor mio”
“I love you”
“Ecco l’amore che cos’è”
“Tante belle cose”
“La nuova stella di Broadway”
“Il sole”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.