«LOVE HUNTERS - Claudia Is On The Sofa» la recensione di Rockol

Claudia Is On The Sofa - LOVE HUNTERS - la recensione

Recensione del 17 mag 2012

La recensione

Il folk può anche piacerti, puoi voler farlo tuo, ma se il Signore o chi per lui non ti ha donato un certo tipo di voce, una timbro avvolgente e scoppiettante come fosse il fuoco di un camino, allora puoi scordarti di mettere in piedi un gruppo e cantare quel genere. Se invece il Signore o chi per lui, oltre ad averti dato questo dono, ti ha anche fatto nascere a Brescia e ti ha fatto sedere su un divano con una chitarra per scrivere canzoni dalle tinte calde e di velluto, allora ti chiami Claudia Ferretti e hai appena dato alle stampe il tuo album d'esordio "Love hunters" con il tuo gruppo che risponde al nome Claudia is on the sofa.
La prima prova sulla lunga distanza della cantautrice lombarda, che nel 2009 ha pubblicato il suo primo Ep dal titolo "Sweet Daisy", miscela insieme diversi generi musicali come il folk e il pop-rock, ma che hanno tutti elementi in comune: chitarre (acustiche, ritmiche, elettriche), ritmo, melodia, freschezza e immediatezza, senza lasciare nulla al caso, ma curando ogni minimo dettaglio canzone dopo canzone. I brani sono a tratti intimi e malinconici come la stessa "Love hunters", corale e commovente, fino a "Shadow man", che quasi chiude l'album, dove la voce calda di Claudia Ferretti la fa da padrona regalando all'ascoltatore uno dei momenti più intensi dell'intero disco. Altri passaggi sono nettamente più sensuali e ammiccanti, come "Wild mountain" e "Same story" (che ricorda Sheryl Crow) e la morbida "Track", ricca di cori e che richiama le canzoni anni Cinquanta d'oltreoceano. C'è molto di americano in questo disco, grazie anche al supporto musicale di ottimi musicisti tra cui due degli Annie Hall, e i brani fanno subito pensare a spazi aperti e ad una strada da percorrere, e nonostante alla guida ci stia una bresciana doc, sembra che la cantante conosca alla perfezione il percorso su strade sconosciute, che scorre fluido senza sbandamenti e interruzioni.
"If Jesus" si apre su note tese e tirate, con un intreccio di voci che ricordano dai più remoti Calexico nell'Ep con Iron & Wine ai più recenti e nostrani (e ahimé, come spesso accade, sottovalutati) Hollowblue, con dei rimandi a Philippe Cohen Solal dei Gotan Project nel suo progetto parallelo "The moonshine session". In sequenza arriva un altro capolavoro che valorizza ancor di più "Love hunters": la breve ma intensa "Too hot" è caratterizzata da una chitarra acustica e da un pianoforte appena accennato, risaltando a pieno le qualità di un disco realizzato a presa diretta.
Claudia is on the sofa ha prodotto un album d'esordio con i fiocchi, un album che arriva sulla scena in un punta di piedi e che difficilmente entrerà nel tritatutto della critica musicale: "Love hunters" pretende ascolto e dedizione, amore e un velo di malinconia negli occhi. Dategli una possibilità e ne rimarrete estasiati.

Continuate a seguire Rockol The Observer: il prossimo venerdì sarà on line l'intervista a Claudia is on the sofa che ci racconterà come è nato "Love hunters".

(Daniela Calvi)

Tracklist:
"Love hunters"
"Same stories"
"Track"
"Boy"
"If Jesus"
"Too hot"
"Wild mountatin"
"Johnny"
"Tonight"
"Shadow man"
"Apple tree"

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.