«I'M NEW HERE - Gil Scott-Heron» la recensione di Rockol

Gil Scott-Heron - I'M NEW HERE - la recensione

Recensione del 18 mar 2010 a cura di Alessandra Zacchino

La recensione

Breve ma intenso questo nuovo disco del redivivo Gil Scott-Heron . I’m new here”, è un album che porta il peso dell’età, delle battaglie combattute da colui che è noto nei libri di storia della musica come il “Godfather del rap”, il “Padrino del rap”.
“I’m new here”, ambisce ad un riscatto esistenziale per l’artista che dopo una quindicina d’anni non pretende nulla, ma cerca di riportare alla memoria di tutti, il suo fondamentale contributo alla musica contemporanea. Il suo “spoken word”, la sua poetica, il suo attivismo negli anni più gloriosi della sua carriera, hanno lasciato segni indelebili… Un po’ come la sua inconfondibile voce. Anni passati a flirtare con le droghe e le prigioni federali, lo hanno debilitato nel corpo e nello spirito, ma Gil Scott-Heron non sembra voler mollare, anche se in verità, non appare neppure disposto a stupire.
”I’m new here” è il titolo, come se si sentisse spaesato e fuori luogo in uno scenario musicale dalla memoria corta, tuttavia con l’atteggiamento ironico di un uomo al quale, a questo punto della sua vita, in fondo non gliene importa poi molto di sentirsi nuovamente parte del giro. Non sbatte i pugni, non cerca di essere memorabile.
Poco più di 28 minuti è la durata di questo disco: un condensato di confessioni, dolore, rassegnazione eppure con un barlume di speranza. Un po’ come nei suoi gloriosi anni ’70, la struttura di “I’m new here” non è quella di un album convenzionale, piuttosto un’alternanza di interludi, brevi commenti e frasi rubate che punteggiano riflessioni più approfondite su tappeti sonori talvolta acustici (“I’m new here”), tinti di gospel (“New York is killing me”), intrisi di cover (la stessa “I’m new here” degli Smog, “Me and the Devil” di Robert Johnson) e persino con echi di Kanye West nell’intro e nel finale. Lungi dall’intenzione di ripetere i fasti di “The bottle” e “The revolution will not be televised”, Gil Scott-Heron ci consegna una testimonianza del suo attuale stato d’animo, con l’onestà di chi, giunto al tramonto della propria vita, non ha più nulla da dimostrare. 40 anni fa predicava la rivoluzione. 40 anni dopo cerca solo di sopravvivere.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.