«BEN FOLDS PRESENTS: UNIVERSITY A CAPPELLA - Artisti Vari» la recensione di Rockol

Artisti Vari - BEN FOLDS PRESENTS: UNIVERSITY A CAPPELLA - la recensione

Recensione del 12 mag 2009 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Ben Folds è un pazzo, o un genio, a seconda dei punti di vista. Non più di qualche settimana fa raccontavamo del suo ultimo disco, “Stems and seeds”, pubblicato in versione de-compressa e remixabile con Garage Band. Oggi siamo qui a riparlare ancora di lui, per questo album. Che non è un suo disco, sebbene le canzoni siano sue, e lui ne canti un paio.
Folds ha indetto una sorta di bando per le Università americane, uno dei posti dove è più popolare: hanno risposto in 250 cori , con dei video su YouTube in cui cantavano le sue canzoni riarrangiandole in chiave solo vocale; "a cappella", appunto. Ne sono state scelte una quindicina, e Folds le ha girate, andando a fare il produttore e direttore di coro per le incisioni.
Il risultato è un disco assai piacevole, forse leggermente stucchevole in alcuni momenti. E’ piacevole soprattutto se conoscete le versioni originali, ed è piacevole comunque – un po’ meno, magari – se non le conoscete.
Ma è soprattutto un disco istruttivo: come ha notato lo scrittore Nick Hornby – grande fan di Folds, suo collaboratore in un disco che stanno scrivendo assieme da tempo – questi ragazzi danno punti a qualsiasi cantante dei talent show. E’ un disco istruttivo soprattutto per noi italiani – peccato che nessuno lo stampi, ovviamente, da queste parti – che dei gruppi vocali e dei cori abbiamo un’idea approssimativa. Pensiamo che siano quelli di X-Factor (i Bastards Son Of Dioniso sono una band, e funzionano per quel motivo), oppure immaginiamo i cori paludati… Eppure la musica vocale è una vera arte, e riletture di canzoni come “Brick” e “Still fighting it” che sono dei piccoli gioielli. Il vero capolavoro è “Effington”, cantata dallo stesso Folds, con un complesso tappeto di percussioni vocali davvero notevole.
Insomma: un Divertissment, ma neanche tanto: cosa si inventerà la prossima volta?

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.