«SOUNDS OF THE UNIVERSE - Depeche Mode» la recensione di Rockol

Depeche Mode - SOUNDS OF THE UNIVERSE - la recensione

Recensione del 14 apr 2009 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Il titolo, diciamolo, non è dei migliori. “Suoni dell’universo”: ma i Depeche Mode non si sono mai contraddistinti per il loro understatement. Se lo possono permettere, dall’alto di una carriera inattacabile, e di una fama e credibilità che pochi altri hanno.
“Sounds of the universe” arriva a quasi 4 anni di distanza da “Playing the angel”. Non è un disco magniloquente come il titolo – humour inglese escluso – lascia supporre. E non è neanche un disco innovativo, come certe cose degli anni ’80 o dei primi anni ’90. Però è un signor disco di una band che sa gestire se stessa alla perfezione, sia dal punto di vista della chimica sonora, che di quella interna, che di quella industriale.
Partiamo da quest’ultima: “Sounds” esce ancora per la Mute/EMI, nonostante la band avesse esaurito il contratto. Avrebbero avuto il mondo ai loro piedi, ma hanno scelto di percorrere la via tradizionale: un contratto discografico, anche se per un disco solo, con la “vecchia” discografia. Non saranno gli unici a fare questa scelta, vedrete, nonostante di questi tempi possa già sembrare obsoleta. Le vecchie major sono le uniche strutture in grado di permettere a band di questo calibro di arrivare ovunque, oltre le nicchie in cui si muovono i gruppi che ora si autodistribuiscono attraverso il digitale.
Quanto alla chimica umana, i Depeche Mode la ridefiniscono continuamente, ma la loro produttività si basa sulle tensioni interne tra Gahan e Gore, con Fletcher a fare da punto di equilibrio. Una chimica perfettamente rispettata anche qua, con Gahan che firma tre canzoni (la migliore è “Miles away”), ma mette la sua impronta vocale ovunque.
Certo, la chiavi della macchina Depeche Mode sono in mano a Martin Gore, che gestisce la chimica sonora. Ed è qui che “Sounds of the universe” si rivela in tutta la sua bellezza. Non sarà un capolavoro, non sarà innovativo, dicevamo; ma pochi gruppi sanno costruire un impasto sonoro “universale” come i Depeche, unendo rock, elettronica e suoni moderno. Le cronache dicono che “Sounds” è un disco più vintage, gli ascolti confermano e rivelano che è un disco "suonato", con molta chitarra (bellissimo il finale di “Little soul”, o l’attacco di “Come back”, nonché il riff alla base di “Miles away”). Il vintage a cui si riferiva Gore è più da ricercarsi nell’uso di sintetizzatori retrò, come nell’attacco di “Fragile tension”.
Insomma, un gran bel disco, fatto di belle canzoni ma soprattutto di un suono unico: come già si disse ai tempi di “Playing the angel”, l’ennesima lezione di stile da parte di una grande band. Diffidare dalle imitazioni.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.