«PAPER TRAIL - T.I.» la recensione di Rockol

T.I. - PAPER TRAIL - la recensione

Recensione del 15 apr 2009

La recensione

Non staremo qui a parlare di quanto T.I.sia giovane, del fatto che sia già padre, dei suoi guai con la giustizia, dei suoi precedenti con la droga, dei suoi scandali, veri o presunti. T.I. è un artista di successo che fa gran bei dischi. Punto.
Rapper della scena south americana, con la faccia un po’ bravo ragazzo un po’ criminale, e con una voce a metà tra il ragazzino e l’adulto. “Paper trail” è il suo quinto disco, prodotto in maniera impeccabile, e perfetto per la quasi totalità del mercato black americano e worldwide. La geografia d’ispirazione, quindi, non conta più molto, east, west e south: il disco è talmente completo a livello di sonorità che dentro si trova di tutto, e tutto fatto alla perfezione, con suoni belli pieni e gonfi. Il suo modo di fare rap ricorda un po’ Slick Rick, a tratti Smooth Tha Hustler e Mase.
L’intro è bellissimo e le prime tre tracce scorrono bene, ma il pezzo con Ludacris “On top of the world” al secondo minuto si può gia skippare. E’ il turno di Rihanna a fare da spalla a T.I. in questo caso con “Live your life” che contiene il campione di “ Dragostea din tei”, canzone della rumena Haiduciii che ha girato tantissimo, anche in Italia. Il primo singolo estratto dal disco è “Whatever you like”, la canzone meno cattiva dell’album, con il suo rap maggiormente cantato a differenza delle altre tracce dove lui va sempre come un treno, e la cosa non è sempre piacevole.
Un difetto di T.I. è sicuramente quello di essere molto simile in tutte le canzoni, il suo flow, la metrica non cambia mai troppo, indipendentemente dalla base. Nel contempo le produzioni di questo disco sono molto travolgenti, epiche, i suoni che le caratterizzano sono synth, organi, fiati. Ritornelli quasi tutti cantati e molto spesso delegati ad altri, con parecchi featuring che fanno la differenza. Uno fra tutti quello con Usher in “My life your entertainment”, spettacolare. Tra le canzoni più belle di questo disco c’è sicuramente “Swing ya rag” prodotta da Swizz Beatz, una garanzia, perché su basi del genere è difficile fare brutta figura, e “Swagga like us” con il campione di “Paper planes” nel ritornello della mitica M.I.A. In questa canzone, prodotta da Kanye West, compaiono i migliori come Jay Z e Lil Wayne. Un’altra collaborazione importante è quella con John Legend in “Slide show”: questa è la parte finale del disco dove le canzoni sono più lente con meno synth e più strumenti fino ad arrivare alla bellissima “Dead and gone” dove troviamo Justin Timberlake che produce la base e fa il ritornello con una formula che già conosciamo e che funziona davvero bene.
“Paper trail” è un bel disco, merito sicuramente del signor T.I. ma anche della gran parte delle persone che hanno collaborato con lui, perché senza queste produzioni perfette e senza i ritornelli cantati da altri, credo che lui finirebbe con lo stancare un po’. Disco perfetto da ascoltare in auto e da ballare nei locali.

(Francesco Nesli Tarducci - www.myspace.com/neslipark)

TRACKLIST

04. 4On Top Of The World (feat. Ludacris and B.o.B)
05. Live your life (feat. Rihanna)
08. My life your entertainment (feat. Usher)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.