«NOTORIOUS: ORIGINAL MOTION PICTURE SOUNDTRACK - Notorious B.I.G.» la recensione di Rockol

Notorious B.I.G. - NOTORIOUS: ORIGINAL MOTION PICTURE SOUNDTRACK - la recensione

Recensione del 19 feb 2009 a cura di Sofia Santori

La recensione

Sono trascorsi dodici anni dalla scomparsa del rapper newyorchese Notorious B.I.G. .
Era il 9 marzo del 1997 e Biggie (al secolo Christopher Wallace) aveva solo 24 anni quando venne assassinato nella città degli angeli da una mano mai condannata, lasciando dietro di sé moglie, figli e un patrimonio musicale. Le teorie sull'identità del mandante e sulle motivazioni della sparatoria furono (e sono) molte: qualcuno parlò di un regolamento di conti, altri di vendetta, e la madre del rapper, Voletta Wallace, sostenne che nell'omicidio fosse implicata anche la polizia.
Secondo la donna, infatti, le forze dell'ordine di Los Angeles non assicurarono un'adeguata protezione al figlio durante il viaggio che gli fu fatale: da tempo infatti girava la voce che fosse stato lui a condannare a morte Tupac Shakur, e una rivendicazione da parte della banda avversaria non era certo inaspettata.
Una morte che si incastrerebbe quindi perfettamente nel quadro della guerra tra East Coast e West Coast, anche se questo capitolo della storia del rap probabilmente rimarrà per sempre insoluto.
Resta però il nome di un artista idolatrato e commemorato infinite volte, oggi simbolo di un'era già così lontana. La nostalgia di quegli anni, appunto, è palpabilissima nel film biografico "Notorious". Uscito i primi di gennaio nelle sale cinematografiche statunitensi, il lungometraggio sulla vita di Wallace ha registrato grandi numeri al botteghino anche per questo motivo: è una macchina del tempo in grado di riportare ogni amante del rap al periodo in cui tutto aveva un diverso sapore.
Il regista George Tillman ha affidato all'attore Jamal Woolard il ruolo di protagonista, a Derek Luke la parte di Puff Daddy (colui che ha scoperto B.I.G., oggi noto come Sean Combs) e alle attrici Naturi Naughton e Antonique Smith il duro compito di raccontare l'antagonismo tra Lil'Kim e Faith Evans, le due donne di Biggie.
Naturalmente la colonna sonora gioca un ruolo fondamentale nel film, per capirlo bastano pochi minuti: la prima scena, ambientata in un club, mostra immagini che scorrono sulle note di "Hypnotize".
Il disco raccoglie i grandi successi dell' "imponente" rapper di New York: oltre a "Hypnotize", è presente "Juicy" (singolo di debutto dell'album "Ready to die") con la sua intramontabile calda atmosfera. Non mancano neppure "Party and Bullshit" e "Warning" (entrambe del 1994), e naturalmente il successo "One more chance" (con la partecipazione di Faith Evans).
Nel brano "Letter to B.I.G." la moglie del rapper e l'amico Jadakiss salutano Notorious con una lettera nella quale si domandano perchè tutto ciò sia dovuto accadere.
I grandiosi Bone Thugs-N-Harmony dedicano al poeta del rap "Notorious thugs".
Anche Jay-Z (che oggi è probabilmente il più importante nome della scena newyorchese) rende omaggio a Biggie in "Brooklyn go hard", insieme a Santogold.
Storie di Brooklyn scorrono sulle note della splendida base prodotta da Kanye West per questo brano, e il flow di Jay-Z disegna immagini di strada in un'atmosfera assolutamente newyorchese.
Infine, la colonna sonora di "Notorious" si conclude con una piccola raccolta di demo registrate da Biggie e mai pubblicate ufficialmente, anche se ai più appassionati queste piccole perle non saranno sconosciute visto che negli anni più volte sono comparse online.
Che dire, non era certo un macho dal fisico scolpito, Biggie. E neppure un rapper luccicante come il suo mentore Puff Daddy, e di certo non ha avuto decenni di tempo per affermare il suo nome nell'universo hip hop... ma nonostante ciò, Notorious B.I.G. resta oggi uno degli artisti rap più conosciuti al mondo grazie alla sua musica e alla sua breve, intensa ed affascinante storia.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.