«DON'T PRETEND THAT YOU KNOW ME - Mojomatics» la recensione di Rockol

Mojomatics - DON'T PRETEND THAT YOU KNOW ME - la recensione

Recensione del 19 dic 2008 a cura di Ercole Gentile

La recensione

Come sempre si giunge alle classifiche di fine anno e capita che qualche disco finisca nella Top degli album di Rockol, pur essendo passato in sordina al momento della sua uscita.
Così a noi recensori tocca il compito di andare a recuperare quei lavori: talvolta sono album che già si conoscono (nel bene o nel male), altre volte si è solo sentito parlare (sempre nel bene o nel male) di un tal disco.
Così è successo anche quest’anno ed al sottoscritto sono toccati i Mojomatics con il loro ultimo capitolo “Don’t pretend that you know me”.
Di loro si sa che sono un duo veneto, che si sono messi in mostra prima all’estero che in Italia, che i loro set dal vivo hanno la fama di essere infuocati e che un sacco di gente ne parla un gran bene. Quindi cuffie e via. E si scopre che il nuovo disco di Mojomatt (chitarra, voce e armonica) e Davematic (batteria, percussioni) è proprio “facile”, nel senso che ha una storia ed un obbiettivo palesi. Le influenze musicali della band veneta sono chiarissime e loro non cercano in alcun modo di nasconderle: qui dentro si può trovare il garage-rock, il pop degli anni Sessanta, le radici blues e country e qualche spruzzata punk.
Frullate il tutto e si ottiene quello che è l’evidente obbiettivo di questo disco: divertire, divertire, divertire. Lo si può evincere in tutte le dodici canzoni dell’album, ma principalmente in brani assolutamente irresistibili come la punkeggiante “Wait a while”, la stonesiana “Miss me when I’m gone” e la sua magica armonica o ancora “Winter got no eyes” ed i suoi limpidi echi di anni Sessanta.
Per chi, come chi scrive, è abituato a cercare sempre quella vena di malinconia in musica, sarà un duro colpo scoprire che talvolta è sinceramente bello chiudere il rubinetto emotivo e lasciarsi trascinare senza freno: con “Don’t pretend that you know me” nel lettore, non c’è nient’altro da fare che alzare i volumi, mettere da parte le paranoie e muoversi forsennatamente.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.