«PICA! - Davide Van De Sfroos» la recensione di Rockol

Davide Van De Sfroos - PICA! - la recensione

Recensione del 16 dic 2008

La recensione

Luci spente, divano e l’ultimo cd di Davide Van De Sfroos come unica compagnia. Ben nascosto nei meandri più inconfessabili della mente un accenno di timore che le quindici canzoni di “Pica!” possano non essere all’altezza della precedente produzione dell’uomo del lago.
Un timore del tutto infondato perchè se esiste alle nostre latitudini una persona che ha lo straordinario dono di saper raccontare storie in musica questi è Davide Bernasconi. Storie che parlano di donne e uomini, sogni e delusioni, aspirazioni e paure, amori e miserie. Di buone e cattive fortune. Storie che si possono ascoltare al bar la mattina all’ora della colazione come durante il giorno in un qualsiasi luogo di lavoro oppure al calar della sera quando si cerca conforto nell’amicizia o nell’amore. Storie che si possono leggere sui libri e sui giornali, storie di chi la Storia più che scriverla la subisce.
Come quella narrata in “New Orleans”, la storia di un uragano di nome Katrina che, nel 2005, pensando fosse giunto il giorno del Giudizio Universale, ha pensato bene di travolgere alcuni quartieri – quelli più poveri, naturalmente – della città più importante della Louisiana. Affettuosamente la canzone lancia l'augurio che “… ritornerà il Carnevale e la paura resterà sul fondo del fiume”.
Oppure la dolente e toccante ballata “Il minatore di Frontale”, la storia di un minatore valtellinese che desidera solamente “…guardare il sole me lo son meritato prima di ritornare dove son sempre stato…” cioè tornare a un lavoro disumano e caino giù nelle viscere della Terra scandito dalla disperata esortazione Pica! (Picchia!).
In “40 pass” sono tre i diavoli venuti da un paese nella grande città spinti dal bisogno o dall’ambizione, per ritagliarsi l’angolino di vita che la rabbia, le capacità o semplicemente la fortuna avrebbe riservato loro. Ma poi, “è andata come è andata o forse come doveva andare” e si ritrovano infine davanti alla grande chiesa per chiedere umilmente una tregua e quel poco di pace e redenzione che andrebbe garantita a chiunque, anche a chi ha in mano le carte sbagliate.
Si racconta di un bravo artigiano ne “Il costruttore di motoscafi” che conosce e sa il proprio mestiere. Conosce e sa il legno e considera orgogliosamente il proprio lavoro un’arte ma anche un destino: costruiva barche suo padre prima di lui, costruiranno motoscafi i suoi figli. Il destino ingrato di chi deve costruire i migliori motoscafi del lago, destinati a gente che non conosce e non sa, non apprezza e ha come compagna la fretta.
“Loena de picch” commuove dicendo di un ragazzo con la luna nera inscritta nel suo presente che torna a casa dopo aver finito il servizio militare, si accomoda in una trattoria dove una vecchia compagna di scuola serve ai tavoli e forse entrambi si guadagneranno un futuro diverso e migliore in questo “incontro tra una rosa e un pipistrello”.
Contrabbandiere di mezza tacca è il Cimino che in una notte di lavoro ai bordi del lago viene circondato dalla polizia e dalla finanza si ritrova così senza avere nessuna via di uscita se non gettarsi nelle gelide acque del lago. Vinto ma non sconfitto, in mutande, ha la forza di trarsi d’impaccio appellandosi al sacro diritto di poter disporre di un minimo di privacy sessuale.
Queste sono alcune delle storie contenute in “Pica!”, non sono le sole, altre ce ne sono e di uguale bellezza. Parole che vengono accompagnate da una chitarra, da un pianoforte, da una fisarmonica, da un violino, da un organo oppure da un’arpa. Che sia folk, country, blues oppure rock, che facciano ballare, cantare o si facciano solamente ascoltare non ha molta importanza, le canzoni di Davide Van De Sfroos sono cosa viva e pulsano suscitando emozione e commozione in chi le ascolta.
Parlano delle nostre radici e di quelli che forse non siamo più, quelli che, bambini entusiasti usavamo invocare a chi ci teneva per mano "Raccontami una storia!"...e la storia cominciò.


(Paolo Panzeri)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.