«MUSICA MODERNA - Ivano Fossati» la recensione di Rockol

Ivano Fossati - MUSICA MODERNA - la recensione

Recensione del 04 nov 2008 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Su Ivano Fossati circolano molti stereotipi: si dice che è schivo, che la sua musica va ascoltata con impegno perché è “impegnata”, come direbbero i difensori a tutti costi della “canzone d'autore”. Dietro questi stereotipi si nasconde una pigrizia del linguaggio dei giornalisti – tutti, nessuno escluso – unita ad una strana idea secondo cui la “musica d'autore” sia intrinsicamente superiore alle altre, e che per guadagnarsi questa superiorità debba essere un po' pallosa.
Ma queste sono fandonie: se vi capitasse di scambiare due parole con Fossati, vi accorgereste che è una persona solare e simpatica, tutto l'opposto di quella imitazione che se ne faceva qualche anno fa in TV; la cosa bella dei suoi ultimi dischi – compreso questo “Musica moderna” - è che è riuscito a portare più in primo piano questa “leggerezza”, senza perdere sostanza. Insomma, sono palle che i dischi di Fossati richiedano tempo: “Musica moderna” - primo album del nuovo contratto con la EMI – è un disco immediato, con grandi canzoni, dai suoni puliti e inciso con grande cura (il titolo è volutamente ironico). Come già in “L'arcangelo”, le scelte di arrangiamento sono più incentrate sulla chitarra e meno “cameristiche” degli album degli anni '90. Fossati non rinuncia a graffiare nei testi, come in “Il paese dei testimoni”, dedicata al clima di sospetto del nostro paese, o come ne “La guerra dell'acqua”. Ma ci sono anche brani come “Miss America”, o ballate come “Parole che si dicono”.
Insomma: a voi scegliere il livello di lettura e “impegno” nei confronti di questa musica. Sta di fatto che “Musica moderna” è un gran bel disco, al di là di qualunque stereotipo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.