«JUST A LITTLE LOVIN’ - Shelby Lynne» la recensione di Rockol

Shelby Lynne - JUST A LITTLE LOVIN’ - la recensione

Recensione del 30 mar 2008 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Qualcuno si ricorderà il nome di Shelby Lynne: dopo una carriera country funestata da un caratteraccio, nel 2000 pubblicò “I am Shelby Lynne”, disco che fece parecchio parlare di sé.
Gli anni successivi l’hanno vista ondeggiare tra ammiccamenti pop e ritorno al suono rock-swing del suo disco più famoso, fino a questo “Just a little lovin’”. Inciso originariamente per la Virgin, esce per la Lost Higway, etichetta del gruppo Universal specializzata in country-rock e casa di Willie Nelson e Ryan Adams.
Al di là della collocazione discografica, “Just a little lovin’” è un disco con un’idea, e con un’idea che funziona: prendere le canzoni di Dusty Springfield e rivisitarle in chiave minimale. Così si trovano in questo album canzoni famose del repertorio della diva pop come “You don't have to say you love me” o “The look of love” (una delle più note, scritta da Burt Bacharach nel 1967 per la colonna sonora del film di James Bond “Casino Royale”), private degli arrangiamenti un po’ pomposi ma non del loro pathos e della loro melodia. La voce della Lynne regge benissimo e gli arrangiamenti – a base di chitarra e piano, tra jazz e swing – funzionano altrettanto bene. Tanto per fare un esempio, la versione di “The look of love” si mangia in un solo boccone per calore quella algida incisa qualche anno fa da Diana Krall.
Completa il disco un inedito scritto dalla stessa Lynne, “Pretend”, che inevitabilmente finisce per essere la cosa meno pregiata di un disco invece pregiatissimo, per idee e per risultati.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.