«CREDI DI CONOSCERMI - Lombroso» la recensione di Rockol

Lombroso - CREDI DI CONOSCERMI - la recensione

Recensione del 11 dic 2007 a cura di Daniela Calvi

La recensione

“E così, si riparte da zero”. Comincia con questa frase il brano d’apertura del nuovo disco dei Lombroso. Ed è una frase che la dice lunga su tutto il resto dell’album, improntato su un beat anni Sessanta molto marcato, con cori all’Equipe 84 e alla Pooh, e influenzato da chitarre tipicamente anni Settanta. “Credi di conoscermi”, questo il titolo, è un concept di tredici canzoni cattive, picchiate, urlate in faccia a chi le ascolta.
Non si sa da dove il minuto Dario Ciffo (voce e chitarre) tiri fuori tutta questa grinta e tutta questa voce, ma sta di fatto che le prime cinque canzoni “Si riparte da zero”, “Se qui”, “Credi di conoscermi”, “Giù”, e “Cosa stai dicendo”, sono un treno merci lanciato a 200 Km/h pronto ad investire e travolgere chiunque. Sono testi in cui Ciffo, sostenuto da Agostino Nascimbeni alla batteria, sputa fuori tutto quello che pensa e con l’indice puntato in faccia a chissà chi, canta: “Sono qui con te ma non mi sento bene”, “Tu credi veramente di conoscermi? Io non lo penso affatto”, “Se qui ma non ci sei, sei qui e pensi ad altro”, e ancora “Cosa stai dicendo? Tu mi stai offendendo. Sarei solo un fannullone? Non ho letto molto ma so tutto degli Stones e anche di Battisti sai. E tu pensi solo che voglio restarmene a letto fino alle tre”.
Poi. Al treno merci viene improvvisamente tirato il freno di emergenza e i passeggeri che finora hanno viaggiato comodi subiscono una brusca frenata. I due brani successivi a “Cosa stai dicendo”, “Alle elementari” e “Ciuska” sono più soft, più sussurrati e suonati con leggera calma. Una discesa troppo azzardata ad un punto dell’album in cui ci si aspetta solo di andare verso l’alto con il susseguirsi dei brani.
A riportare ad un livello alto “Credi di conoscermi” è la canzone “Cinque minuti”, brano scritto inizialmente dai Lombroso, completato insieme a loro da Morgan e da quest’ultimo interpretato e utilizzato come primo nuovo singolo del disco “DaAadA”. Il pezzo nella versione dei Lombroso è decisamente migliore rispetto a quella del cantante dei Bluvertigo: si ritorna di nuovo all’urlo di Ciffo e alla batteria onnipresente di Nascimbeni, ed il treno merci comincia a riscaldare i motori per ripartire piano in un’ultima corsa.
A chiudere l’album “Sempre un po’ più in là” che rimanda al primo Lucio Battisti, poi ancora “Hey man”, e “Tu”, dove si ritorna sui primi passi con testi come “Tu, quello che canti non piace più, tu quello che dici non è più importante, sei ancora tu e non ti giudichi mai”.
La chicca finale è la cover di “Il paradiso”, brano scritto nel 1969 da Lucio Battisti ma portato al successo da Patty Pravo e interpretato e rivisitato dai Lombroso in maniera eccellente: dal “la la la la” iniziale al “la la la la” finale la versione del duo milanese è piena di grinta da far venire voglia di cantarla e urlarla a squarciagola.
“Credi di conoscermi” è un disco registrato per la maggior parte in casa di Ciffo, e si sente. Si sente che i Lombroso non hanno dovuto seguire le tempistiche da studio, che si sono rilassati e che hanno dato forse meno importanza alla pulizia dei suoni e alla precisione, guadagnandone in energia, spontaneità e grinta.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.