«A TUNE A DAY - Supernaturals» la recensione di Rockol

Supernaturals - A TUNE A DAY - la recensione

Recensione del 27 mar 1999

La recensione

Brit-pop in saldo, ultimi echi della discendenza kinksiana in un gruppo simpatico e non privo di spunti accattivanti - ma drammaticamente in ritardo sui tempi. I Supernaturals vivono il dramma del bravo sarto che presenta fiero i suoi nuovi abiti, ed è accolto dal gelo di chi, seguendo gli stilisti che vanno per la maggiore, gli fa notare che sono terribilmente fuori moda. "Ma la musica non è indipendente dalle mode?" Abbiamo due risposte. Quella breve ("No") e quella lunga ("Certo che no"). I sapori della "Parklife" inglese risuonano a volte deliziosi in un album che farà la felicità di chi si lascia volentieri rapire dalla albionica voglia di Penny Lanes, di vecchie foto di George Best e sguardi dal finestrino di un autobus a due piani, dove con "humour" e "understatement" si ammette amabilmente: "Non sono adatto ad alzarmi dal letto" ("I wasn’t built to get up") o "Sono cotto di te / dal 1863" ("Let me know"). Ma se qualche anno avremmo indossato volentieri i loro vestiti, oggi purtroppo non possiamo non guardare all’armadio, pieno di capi troppo somiglianti, per quanto creati da gente meno raffinata, che però ha presentato la propria merce prima di loro. Cosa possiamo fare? Chiedere ai Supernaturals di supersnaturarsi tentando, come i balbettanti Blur, di voltare pagina? O continuare a fare quello che fanno, ovvero mandarci cartoline da Britannia? Quest’ultima soluzione è la migliore. Tanto più che qualcuno risponderà volentieri.

Tracklist:
You take yourself too seriously
Monday mornings
Submarine songs
I wasn’t built to get up
Country music
Motorcycle parts
Sheffield song
VW song
Idiot
Magnet
Still got that feeling
Let me know
It doesn’t matter anymore
Everest
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.