«BEGIN TO HOPE - Regina Spektor» la recensione di Rockol

Regina Spektor - BEGIN TO HOPE - la recensione

Recensione del 19 ott 2006 a cura di Paola Maraone

Voto 0/10

La recensione

La Spektor è simpatica, brava e non se la tira. Le hanno affibbiato qualunque tipo di etichetta, definendola “la Tori Amos del pre-parto”, o la risposta (che mancava) a Fiona Apple. Hanno coniato per lei un’espressione curiosa: “la reginetta dell’anti-folk”, sulla scia di Billy Bragg e Ani DiFranco. La giovane Spektor porta un nome da James Bond che ben s’intona con la sua figura di russa trapiantata da bimba a New York (a leggere le sue biografie sembra avesse un pianoforte sulle spalle), ha il physique du rôle nel senso che è bella e misteriosa quanto basta, sa alternare pop, rock, folk (sì. Nonostante sia anti-folk. Fidatevi, non c’entra) e arie da musical in salsa noir. Su tutto incombe lo spettro di Billie Holiday, antico idolo della nostra Regina.
Lei non si scompone e nonostante abbia sopra, sotto, dietro, di fianco tutti questi impegnativi paragoni, fa musica nel solo modo che conosce: bene, e con originalità. Il posto ideale per lei sarebbe il palcoscenico fumoso di un vecchio night, se non fosse che ormai praticamente ovunque vige il divieto di fumo; ma conoscendola – non personalmente, eh – viene da pensare che sia una tipa talmente in gamba che sarebbe a suo agio anche di fronte alle migliaia di fan di un qualunque festival sponsorizzato da bevande in lattina. Del resto si è fatta un mazzo tanto a girare il mondo in tour assieme agli Strokes, ai Kings of Leon e altre menosissime band più o meno a ragione più famose di lei, e ha pubblicato un paio d’album da sola (nel 2001 e nel 2002) prima di arrivare al “successo” con “Soviet Kitsch” nel 2003 e poi con questo “Begin to hope”, un disco pieno di sorprese e decisamente sopra la media.
Se vi va provate a fare un piccolo esercizio. Prendetevi un po’ di tempo e ascoltate il suo disco, dominato ma non schiavo del pianoforte. Per esempio “Better” (che ha un passaggio bellissimo nel testo: “If I kiss you where it’s sore will you feel better or will you feel anything at all?” – se ti bacio dove fa male starai meglio o non sentirai nulla?), oppure “Samson” e “Field below”, tra i pezzi più emozionanti dell’album. O ancora “20 years of snow” o “Après moi”, con echi dalla vecchia madre Russia. Oppure “Lady”, decisamente jazz, oppure ancora “On the radio” e “Fidelity”, sincopate e più spostate verso il folk. La sensazione è che non abbia fretta, Regina. Perché quando canta è come se abbracciasse ogni singola nota prima di lasciarla andare, e il riferimento non è solo temporale: il senso è che lei vuol bene a ciò che canta, e sono in pochi a dare questa impressione.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.