«ALTITUDE - Blue Aeroplanes» la recensione di Rockol

Blue Aeroplanes - ALTITUDE - la recensione

Recensione del 28 apr 2006 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

I Blue Aeroplanes non sono il classico gruppo “redivivo”, anche perché probabilmente se li ricordano in pochi: tra fine anni ’80 e inizio anni ’90 erano uno dei nomi di punta del rock indipendente inglese. Venivano spesso paragonati ai Velvet Underground per la voce calda e recitativa di Gerald Langley, che ricorda quella di Lou Reed, e si guadagnarono degli sponsor importanti come Michael Stipe, che incise con loro un brano nel capolavoro “Swagger” (recentemente ristampato in versione deluxe con un secondo CD di inediti)
Dopo il loro ultimo disco, “Rough music”, sono scomparsi per più di dieci anni. Oggi, quasi a sorpresa, ce li ritroviamo con un nuovo album, e la stessa magia.
“Altitude” è uno di quei dischi senza tempo, che fai fatica a collocare in un genere o in un filone. Le caratteristiche del suono sono sempre le stesse, ed è un bene: chitarre pop-rock (ieri più pop, oggi più rock), strutture un po’ psichedeliche e una voce davvero unica, che ti fa perdonare il fatto di recitare più che cantare.
I brani migliori di questo disco sono di diversa natura: da un lato c’è il rock melodico di “Up in a down world” (che non a caso ricorda “Jacket hangs”, la loro canzone più famosa) o quello sognante di “Adulthood” e “Bright star catalogue”, la prima in chiave acustica, la seconda in chiave elettrica (con intrecci che ricordano anche i Television).
Insomma: un disco “di nicchia”, se ci si passa la terribile espressione. Forse non ne parleranno in molti, o non riceverà molto spazio perché il nome dei Blue Aeroplanes non è di moda. Ed è un peccato, perché non capita spesso di ascoltare dischi che, alla fine, non assomigliano nient’altro che a se stessi. Anche tutti i nomi che vi abbiamo indicato in questa recensione sono puramente indicativi: provate ad ascoltare “Altitude”, se vi interessa il genere, e non rimarrete delusi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.