«KICKING TELEVISION - LIVE IN CHICAGO - Wilco» la recensione di Rockol

Wilco - KICKING TELEVISION - LIVE IN CHICAGO - la recensione

Recensione del 15 dic 2005 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Il fare di necessità virtù elevato ad arte. I Wilco sono sfigati, nel senso quantitativo, non qualitativo: gliene capitano di tutti i colori, ed ogni volta riemergono, più forti e bravi di prima.
Gli è successo con il noto caso del loro penultimo disco, “Yankee hotel foxtrot”, rifiutato dalla casa discografica, diffuso in rete tra i fan, finalmente pubblicato e diventato il loro best seller. Succede spesso a loro personalmente (i vari problemi di salute del leader Jeff Tweedy). Ed è successo anche con la registrazione di questo doppio live, inciso nel corso di diverse serate lo scorso maggio nella natia Chicago. John Stirrat, bassista e alter ego storico di Tweedy, ha raccontato a Rockol (che l’aveva incontrato a settembre in occasione della data milanese del gruppo) tutti i problemi tecnici che la band ha avuto in quell’occasione.
Ma l’imperfezione è ciò che rende interessante l’arte, e il rock non fa eccezione. Oddio, di imperfezioni qua non è che se ne sentano molte: qualche traccia di quei problemi è rimasta in questo doppio disco (come la batteria elettronica che parte solo alla fine di “Heavy metal drummer”, con una reazione divertita di Tweedy). Si sente invece una band che ha saputo fare dei propri limiti un pregio, sporcando melodie tipicamente americane/retrò con suoni che arrivano invece dall’avanguardia (le chitarre dissonanti, per esempio).
Insomma, il suono dei Wilco è vero, passionale e sentito. Lo è già su disco, immaginatevi dal vivo (e se non li avete mai visti è un vero peccato: quel concerto milanese, a detta di chi scrive, è stato uno dei migliori del 2005); la formazione allargata a sei (due chitarre e due tastiere) permette a Tweedy di estendere i confini dell’interpretazione dei loro brani, che sono prevalentemente quelli degli ultimi due dischi, “Yankee hotel foxtrot” e “A ghost is born”.
“Kicking television”, così, diventa uno dei più belli tra i numerosi nuovi dischi live in uscita in questo periodo. Sicuramente il più rock e il più passionale: un terreno in cui i Wilco non hanno rivali; sentitevi la versione di “Spiders (Kidsmoke)”, già chilometrica su “A ghost is born” ma ancora più trascinante nelle sue continue accelerazioni chitarristiche. O sentitevi la partenza elettrica di “At least that’s what you said”, tanto per fare un esempio. Questo è un disco che fa venire una gran voglia di vedere la band dal vivo. Questo è il miglior complimento che si può fare, sia al disco che alla band.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.