«PLANS - Death Cab For Cutie» la recensione di Rockol

Death Cab For Cutie - PLANS - la recensione

Recensione del 23 nov 2005

La recensione

La storia si ripete: quello dei Death Cab For Cutie è uno dei canovacci più consolidati del mondo del rock, ed anche uno dei più fastidiosi: quello della band indipendente che passa alla major e viene accusata di vendersi. Dopo quattro dischi su Barsuk, e dopo essersi costruiti una reputazione di ferro nel circuito del rock indipedente americano (come ad un altro nome “di culto”, Bright Eyes, i DCFC hanno avuto l’onore di aprire i concerti del tour anti-Bush Vote For Change, nel loro caso quelli dei Pearl Jam). Ecco quindi “Plans”, debutto su major, ed ecco quindi le prime voci quelli che “io li conoscevo prima ed erano meglio” e così via.
Peccato, o anzi meglio così: meglio che ora inizino a farsi conoscere un po’ di più (anche se questo disco in Italia è uscito comunque un po’ in sordina). Perché quelle che potete ascoltare qua dentro sono canzoni capolavoro, che riescono a rifarsi ad una tradizione, ma anche rivoltarla. La tradizione è quella delle ballate pop-rock, il modo di rivoltarla è di sconvolgere la struttura delle canzoni, di dilatarle fino a renderle ipnotiche ed avvolgenti: come “Different name for the same thing” che inizia a mo’ di ballata piano/voce (alla John Lennon, verrebbe da dire) per poi aprirsi in un mantra semi elettronico.
In certi frangenti, come l’iniziale “Marching bands of Manhattan”, sembra di ascoltare i Sigur Ros in salsa americana, se ci passate il paragone azzardato, complice anche la voce un po’ nasale (e non particolarmente espressiva: è il principale difetto della band) di Ben Gibbard. In altri momenti, come “I will follow you into the dark” i R.E.M. rivisitati ed attualizzati.
Insomma, “Plans” è davvero un gran bel disco, che riesce a destreggiarsi nel difficile equilibrio tra originalità/personalità e riconoscimento delle proprie fonti musicali. Poi, se è rock indipendente o da major, poco importa.

(Gianni Sibilla).

TRACKLIST

01. Marching bands of Manhattan
02. Soul meets body
03. Summer skin
04. Different names for the same thing
05. I will follow you into the dark
06. Your heart is an empty room
07. Someday you will be loved
08. Crooked teeth
09. What Sarah said
10. Brothers on a hotel bed
11. Stable song
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.