«THE THINGS WE DO - Angela McCluskey» la recensione di Rockol

Angela McCluskey - THE THINGS WE DO - la recensione

Recensione del 21 gen 2005 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Lo confesso: ho ascoltato questo disco per un motivo, uno soltanto. Ovvero: Angela McCluskey è stata scelta dai R.E.M. per aprire alcune date del loro tour americano dello scorso ottobre/novembre. Lo so, sono un maniaco dei R.E.M. e mi fido anche dei loro gusti.
Peccato non averla vista con i R.E.M. nelle recenti date italiane. Però devo al gruppo di Stipe & Co l’avermi fatto scoprire questa cantante, il cui nome sta iniziando a girare proprio così, con il passaparola. Il disco è uscito prima di Natale, senza grandi strombazzamenti, senza grandi investimenti promozionali. Ma come tutti i dischi che sono belli, si sta facendo strada da solo.
Che musica fa Angela McCluskey? Difficile dirlo, ed è un gran bel pregio. La sua voce ricorda vagamente quella di Macy Gray, ma la musica è molto eterogenea. C’è il rock bluesato di “Perfect girl eleven”, le ballatone pop alla “It’s been done” o quelle più dark come “Love is stronger than death” (dei The The, qualcuno se li ricorda?), il pop-rock di “Know it all”, il soul di “Wrong side”, il nu-jazz di “This night”.
Il bello è che questa eterogeneità di stili sembra incredibilmente compatta, alla fine. Merito della versatile voce della McCluskey, capace di passare da uno stile all’altro senza colpo ferire. Merito anche dell’ottima produzione e degli arrangiamenti di Nathan Larson (già dei Shudder to Think), che crea un tappeto musicale sobrio ed elegante, perfetto per valorizzare la voce della cantante.
Insomma, “The things we do” è uno di quei dischi difficili da spiegare, per cui un ascolto diretto vale di più di mille descrizioni. Un disco introspettivo e tendenzialmente malinconico, ottimo per la stagione invernale, e molto al di sopra delle tante cose melense e già sentite che girano in questo periodo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.