«AHA SHAKE HEARTBREAK - Kings Of Leon» la recensione di Rockol

Kings Of Leon - AHA SHAKE HEARTBREAK - la recensione

Recensione del 30 nov 2004 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Ogni tanto è un piacere smentirsi e constatare di avere avuto torto. Avevo concluso la – peraltro positiva – recensione del disco d’esordio del Kings Of Leon dicendo più o meno: sì, queste band del revival rock non sono male, ma fanno dischi che non lasciano grandi spiragli per la crescita e l’evoluzione.
Invece. Invece ecco una bella smentita: è passato poco più di un anno, e i fratelli Followill sono di nuovo sulla scena. Si sono tagliati i capelli, e sembrano un po’ meno i Creedence Clearwater Revival, e non solo nell’immagine. In questo lasso di tempo, sono cresciuti, i ragazzi; contro ogni previsione (o meglio: contro la mia previsione), hanno saputo trovare una strada nuova per la loro musica. “Aha shake heartbeat” è un disco che si sgancia piacevolmente dal cliché della band garage rock modaiola. Insomma, a fronte di gente come Strokes che alla seconda prova ha ricopiato in bella calligrafia la prima, i Kings of Leon si presentano con disco di rock sempre grezzo e secco, ma anche dagli orizzonti più ampi.
Canzoni come “King of rodeo” o il singolo “The bucket”, paradossalmente rimandano più al rock indipendente mixato con la new wave inglese (mostrando per esempio la stessa matrice degli Interpol) che non al garage a cui si rifacevano agli inizi.
Insomma: i Kings Of Leon non sono l’ennesima pallone gonfiato che si sgonfia al secondo disco. Almeno hanno saputo non ripetersi, e buttarsi su un altro terreno, seppur già praticato da altri: “Aha shake heartbeat” non è all’altezza del dischi degli Interpol (che rimangono davvero il termine di paragone per tutti i gruppi di questo revival rock), ma rimane un album bello ed estremamente piacevole.
Poi tutti gli altri discorsi rimangono. Rimane il fatto che questo presunto movimento è troppo pompato, soprattutto dalla stampa inglese (non a caso questo disco esce prima in Europa, che in America dove arriverà solo nel 2005). Rimane che spesso conta più l’immagine e la storia (e quella dei Followill – fratelli “sudisti” cresciuti con una stretta educazione cattolica – è di quelle perfette per i media). Rimane che questi gruppi raramente dicono qualcosa di veramente nuovo ed innovativo. Rimane però il fatto che in alcuni casi sono divertenti, e sanno anche non ripetersi: è il caso dei Kings Of Leon, ed è già un buon motivo per consigliarvi questo disco.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.