«RESTA IN ASCOLTO - Laura Pausini» la recensione di Rockol

Laura Pausini - RESTA IN ASCOLTO - la recensione

Recensione del 21 nov 2004 a cura di Paola Maraone

La recensione

Gli è che questa non canta, urla, e francamente non se ne può più. Sarà anche l’album in cui doveva sfogare la sua rabbia, cantare il suo dolore, esorcizzare la sua sfiga o quel che l’è, ma insomma, non si può – proprio non si può – seguire sempre lo stesso schema: strofa&melodia, urlo, ritornello, urlo, fine. Laura, l’abbiamo capito che hai una gran voce, ma qui non siamo a una gara dell’oratorio, e questo che dovrebbe essere l’album della tua maturità ci sembra assomigli più che altro a una lista della spesa gridata. Basta!
Cambia registro, perché non riusciamo più a seguirti. Anzi, no, resta te stessa: in fondo probabilmente questo è il tuo modo di fare musica, e – altrettanto in fondo – forse va bene così, ché altrimenti non si spiegherebbe il tuo clamoroso successo, il tuo vendere – che insistente, che noiosa – ogni volta milioni di dischi come fossero noccioline quando ci sono musicisti che ringraziano Iddio se riescono a piazzare 5000 copie, il tuo essere amata, anzi adorata, anzi idolatrata in tutto il mondo da schiere di fan come te urlanti e gioiosi e, naturalmente, sempre più entusiasti. Quegli stessi fan che probabilmente scriveranno a Rockol riempiendomi di insulti e inanellando lettere che cominciano tutte allo stesso modo: “Vorrei dire alla vostra giornalista – ammesso che si possa chiamare giornalista”, e a cui rispondo: provate per un attimo a lasciare da parte le vostre comode vesti di fan, provate a spogliarvene e ri-ascoltare con orecchio vergine una canzone, una canzone qualsiasi, prendete per esempio “Così importante” o “Come se non fosse stato mai amore” o “La prospettiva di me”, e provate – se vi riesce – a negare che lo schema sia sempre lo stesso, trovate una canzone senza urla e per piacere segnalatecela, perché a noi non è parso di scorgerla, salvo forse nella traccia che chiude l’album, incomprensibilmente un po’ meno urlata delle altre. Per non parlare dei testi: certo, qui è un po’ come sparare sulla Croce Rossa, ma prendete per esempio “Resta in ascolto”: “Io sopra ogni bocca cercai il tuo nome” (?). O “Il tuo nome in maiuscolo”: “Sei da difendere con grazia semplice” (??). O ancora, “Come se non fosse stato mai amore”: “Il tempo qualche volta può aiutare/ a sentirsi meno male”. Aaaah! Per fortuna, Laura, che ci sei tu a dirci certe cose. E tornando a voi, fan: è ovvio (e anche naturale) che non terrete in alcuna considerazione queste righe, e del resto va bene così, altrimenti la Pausini non sarebbe una cantante di successo ma una disgraziata qualunque. Del resto è chiaro che la Pausini non ha certo bisogno del parere della cosiddetta “critica” per andare avanti. Ma un consiglio, ugualmente, ci permettiamo di darglielo: la smettesse con quella sua voce impostata, tutta protesa alla ricerca di acuti improbabili, perché che l’abbiamo capito tutti che è brava e intonata, e cercasse – prima o poi; così, se le va – di sporcarsi un po’ le mani e di osare, per una volta, davvero (tanto non lo farà mai).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.